ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Sciopero delle guardie carcerarie in Belgio, interviene l'esercito

mondo

Sciopero delle guardie carcerarie in Belgio, interviene l'esercito

Pubblicità

È cominciata la terza settimana di sciopero delle guardie carcerarie nei penitenziari del sud del Belgio.

Conseguenza, la situazione dei detenuti è al collasso. La stampa locale riporta che a molti sono negati diritti fondamentali quali tre pasti al giorno, le docce, le visite dei familiari.

Il governo ha mobilitato 180 militari per dare una mano nelle prigioni di Lantin, Saint-Gilles e Forest.

“La questione è che la difesa interviene in un problema sociale e si sostituisce in qualche modo al dialogo sociale. Non sarebbe il suo ruolo” spiega Jean-Louis Crucifix, comandante dell’esercito nella provincia di Liegi.

A Forest, nella regione della capitale Bruxelles, è scoppiata anche la rivolta dei detenuti, a causa delle privazioni e alcune strutture sono state danneggiate. Proprio la fatiscenza dei luoghi in cui lavorano è la causa dello sciopero delle guardie.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo