ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ue-Turchia, per Onu vigilare su rispetto diritti dei rifugiati

Per l’Unione europea la Turchia è ormai un partner strategico nella gestione della crisi dei rifugiati. Ma quanto l’accordo siglato a marzo a

Lettura in corso:

Ue-Turchia, per Onu vigilare su rispetto diritti dei rifugiati

Dimensioni di testo Aa Aa

Per l’Unione europea la Turchia è ormai un partner strategico nella gestione della crisi dei rifugiati.
Ma quanto l’accordo siglato a marzo a Bruxelles è rispettoso dei diritti umani? Lo abbiamo chiesto al numero due delle Nazioni Unite, Jan Eliasson.

Jan Eliasson, Vice Segretario Generale delle Nazioni Unite
Il rispetto dei diritti umani implica anche il garantire una vita decente ai migranti e ai rifugiati che arrivano in Europa. Credo che l’accordo abbia questo come punto centrale. Si tratta di migliorare l’accoglienza di migranti e rifugiati.

Euronews
Ci sono state diverse critiche sul punto dei rinvii verso la Turchia. Cosa pensa di questo punto dell’accordo tra Unione europea e Turchia?

Jan Eliasson
Credo sia sempre importante riuscire a valutare ogni singolo caso- Ci si deve assicurare che le persone rinviate in Turchia, non vengano poi rimandate in Siria. Stiamo indagando su questo e al momento non sono emerse prove a riguardo. Ci sono per ora soltanto voci, credo però sia importante rispettare la convenzione sui rifugiati del 1951.

Euronews
C‘è anche bisogno di parlare di quelle che sono le cause dell’immigrazione di massa. Crede ci siano possibilità concrete di veder terminato il conflitto siriano?

Jan Eliasson
Sfortunamente la scorsa settimana ci sono stati altri sviluppi negativi.Si assiste a un aumento dei combattimenti ad Aleppo, Idlib e Damasco. E questo è un segnale preoccupante. Mi auguro che le parti in campo, cosi come le potenze mondiali che su queste hanno una certa influenza possano contribuire alla distensione e ai negoziati. Ci sono state settimane di negoziati e stiamo per entrare in una fase seria dei colloqui di pace. Ci auguriamo che si arrivi presto a una soluzione politica. Tornare alla guerra significherebbe il disastro totale. Mi sono chiesto, se è possibile che la situazione peggiori ancora. E purtroppo, si è possbile. Dobbiamo fermare questo trend negativo.