ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tragedia di Hillsborough: tifosi innocenti, polizia inefficiente

Ventisette anni dopo la più grande tragedia nella storia dello sport britannico, una giuria ribalta una sentenza precedente concludendo che a causare la calca non furono i tifosi ma decisioni sbagliat

Lettura in corso:

Tragedia di Hillsborough: tifosi innocenti, polizia inefficiente

Dimensioni di testo Aa Aa

La soddisfazione dei parenti delle vittime della strage di Hillsborough per la sentenza che solleva da ogni responsabilità i tifosi del Liverpool e punta il dito contro la polizia.

Novantasei persone morirono nel più grave incidente dello sport britannico, 27 anni fa. Le morti non furono casuali, sostiene la giuria di Warrington. La sua conclusione potrebbe portare all’apertura di un processo.

“Abbiamo dovuto aspettare 27 anni, ora ci crederete tutti”, esclama la madre di una vittima.

I familiari si sono stretti l’uno all’altro intonando l’inno del Liverpool, “You’ll never walk alone”. Per molto tempo i loro cari sono stati accusati di essere arrivati allo stadio ubriachi e in ritardo.

“Mio padre è stato sempre una vittima innocente, come qualsiasi altro tifoso del Liverpool, come è stato dimostrato oggi”, afferma Charlotte Hennessy. “Non sono stati responsabili del disastro, non hanno contribuito a provocarlo”.

La polizia commise errori nella gestione della sicurezza. Il commissario David Crompton accetta la conclusione e si scusa: “Il 15 aprile del 1989, la polizia del South Yorkshire ha catastroficamente fallito nel garantire il mantenimento dell’ordine alla semifinale di Coppa d’Inghilterra a Hillsborough. È stata ed è la più grande tragedia nella storia dello sport britannico. Voglio scusarmi, senza riserve, con le famiglie e con le persone colpite”.

La giuria ha messo in evidenza in particolare la decisione sbagliata di aprire il cancello C per smaltire l’enorme flusso di tifosi in attesa di entrare per il match fra Liverpool e Nottingham Forest. Fu l’inizio della calca e della tragedia: nel settore centrale già sovraffollato entrarono molte più persone di quante potesse contenerne.