ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa 2016. A New York Trump stravince, Clinton vince, Sanders resiste

Spavaldo, sicuro, vincente. Il miliardario newyorkese Donald Trump, che nella sua città viene contestato quasi quotidianamente, ha tuttavia incassato

Lettura in corso:

Usa 2016. A New York Trump stravince, Clinton vince, Sanders resiste

Dimensioni di testo Aa Aa

Spavaldo, sicuro, vincente. Il miliardario newyorkese Donald Trump, che nella sua città viene contestato quasi quotidianamente, ha tuttavia incassato una schiacciante vittoria alle primarie nello Stato di New York, ponendo praticamente fine alla competizione in casa repubblicana.

“Sulla base dei risultati che stiamo vedendo direi che non c‘è più competizione. Il Senatore Cruz è matematicamente eliminato. Abbiamo vinto ancora uno Stato. Come sapete abbiamo preso milioni di voti più di Cruz, milioni di voti più del Senatore Kasich” ha detto dopo la chiusura delle urne.

Trump ha dato un distacco di oltre 35 punti percentuali a Kasich, secondo, ed ha letteralmente asfaltato Cruz. Il Senatore ultraconservatore raccoglie quel che aveva seminato critidando i valori newyorkesi, ed ottiene a mala pena il 15% delle preferenze.

Ma se la battaglia repubblicana era pressochè scritta in anticipo, gli occhi erano puntati sulla cruciale sfida tra Hillary Clinton e Bernie Sanders. È stata l’ex-Segretaria di Stato ad avere la meglio, e con ampio margine, capitalizzando le ottime relazioni coltivate negli anni con la Grande Mela dove è particolarmente apprezzata dalla comunità afroamericana.

“Donald Trump e Ted Cruz propongono una visione dell’America che divide e che sinceramente è pericolosa” ha attaccato Clinton. “Noi abbiamo una visione molto diversa, che consiste nel sostenersi a vicenda e non nel demolirsi a vicenda”.

Sconfitto ma ancora combattivo il solo candidato alla corsa alla Casa Bianca che negli Stati Uniti venga definito “socialista”, Bernie Sanders ha ottenuto il 42% dei voti. Significa 85 delegati rispetto ai 104 della Clinton. È una sconfitta, ma allo stesso tempo un risultato sufficientemente dignitoso da permettergli di restare uno sfidante di tutto rispetto.