This content is not available in your region

Lacrimogeni all'insediamento di Thaci alla Presidenza del Kosovo

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Lacrimogeni all'insediamento di Thaci alla Presidenza del Kosovo

<p>In barba alle rigide misure di sicurezza, lancio di gas lacrimogeni e contestazioni hanno preceduto a Pristina la cerimonia d’insediamento di Hashim Thaci alla presidenza del Kosovo. </p> <p><blockquote class="twitter-tweet" data-lang="it"><p lang="en" dir="ltr"><a href="https://twitter.com/hashtag/Thaci?src=hash">#Thaci</a>'s inauguration as <a href="https://twitter.com/hashtag/Kosovo?src=hash">#Kosovo</a>'s President interrupted by tear gas from opposition party <a href="https://t.co/KrmJ2Jfgwe">https://t.co/KrmJ2Jfgwe</a> <a href="https://t.co/N8BPfXqpEY">pic.twitter.com/N8BPfXqpEY</a></p>— Balkan Insight (@BalkanInsight) <a href="https://twitter.com/BalkanInsight/status/718445367617040384">8 aprile 2016</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script></p> <p>Oltre dieci gli arresti annunciati dalla polizia, mentre i sospetti si orientano verso l’opposizione nazionalista, da mesi protagonista di <a href="http://it.euronews.com/2016/02/19/kosovo-ancora-lacrimogeni-in-parlamento/">spettacolari azioni di disturbo anche in Parlamento</a>. In questo video un episodio che risale al 19 febbraio. </p> <iframe type="text/html" width="640" height="360" src="http://it.euronews.com/embed/324803/" frameborder="0" allowfullscreen></iframe> <p>È nel rimettergli la Costituzione che la presidente uscente Atifete Jahjaga ha ufficialmente passato le consegne a Thaci, all’indomani del suo giuramento in aula. </p> <p>“Oggi la nostra più importante battaglia è per il rispetto e il bene reciproco fra i cittadini del nostro paese – ha detto Thaci dal palco -. È per raggiungere questo traguardo che sarò al vostro fianco e, ne sono certo, ne usciremo a testa alta”. </p> <p>L’opposizione del Paese, a maggioranza albanofona, contesta aspramente il governo per l’accordo promosso lo scorso anno dall’Unione Europea, che riconosce alla minoranza serba più ampi poteri a livello locale.</p>