Brasile, imponenti manifestazioni per Dilma. Lula: "C'è chi vuole travolgere la democrazia"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Brasile, imponenti manifestazioni per Dilma. Lula: "C'è chi vuole travolgere la democrazia"

<p>Non è una coincidenza che in Brasile i movimenti e i sindacati vicini al Partito dei Lavoratori e alla presidente Dilma Rousseff, minacciata da un impeachment, abbiano scelto, per manifestarle sostegno, proprio l’anniversario del colpo di Stato. <br /> Il 31 marzo del 1964 prendeva avvio un ventennio di dittatura militare. <br /> 52 anni dopo centinaia di migliaia di persone hanno preso parte alla “giornata di difesa della democrazia”, come l’hanno battezzata gli organizzatori.</p> <p>In un video-appello, l’ex presidente Lula divide il Paese in due campi:</p> <p>“Da una parte ci sono quelli che vogliono travolgere la democrazia approvando un impeachment senza base legale . E un impeachment senza base legale è un colpo di Stato. Dall’altra, ci sono quelli che credono nella democrazia e la difendono con il corpo e l’anima”. </p> <p>Tra i manifestanti, molti ricordano bene la dittatura: </p> <p>“Io sono stato prigioniero politico, una volta mi nascosi in questa chiesa dalla polizia, e la gente non vuole più questo. Anche quelli che difendono l’impeachment di Dilma possono farlo solo perché noi abbiamo lottato per dare il diritto all’espressione”. </p> <p>Per la Presidente le cose non sono semplici: il 19 aprile si voterà l’impeachment. <br /> L’uscita del Pmdb dalla coalizione di governo ha notevolmente complicato le cose, tantopiù che il leader dello stesso partito resta ancorato al suo seggio di vice-presidente, impedendone l’assegnazione ad altre forze. </p> <p>Lo stesso Lula, toccato dall’inchiesta “Lava-jato” e richiamato al governo per ridare slancio, secondo la maggioranza, o piuttosto per impedirne l’arresto, secondo l’opposizione, si è mostrato pessimista sulle possibilità che Dilma Rousseff possa resistere fino al 2018.</p>