ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

È morto "il quinto Beatles"

Lo hanno ricordato "I fab four" Ringo Starr, Paul McCartney, il premier britannico David Cameron, tante star, addetti ai lavori e persone comuni, che riconoscono il suo tocco nella straordinaria stori

Lettura in corso:

È morto "il quinto Beatles"

Dimensioni di testo Aa Aa

È morto all’età di 90 anni George Martin, l’anima del suono dei Beatles. Che nulla ha a che vedere con l’omonimo scrittore, autore di “Game of Thrones”. Una buccia di banana che su Twitter ha forse sviato i più giovani. Per gli altri il mitico produttore che con la sua musica ha segnato un’epoca, è uno solo.

Lo hanno ricordato “I fab four” Ringo Starr, Paul McCartney, il premier britannico David Cameron, tante star, addetti ai lavori e persone comuni, che riconoscono il suo tocco nella straordinaria storia musicale dei Beatles. Kenny Sword, scozzese, ne è convinto: “George Martin ero un uomo che stava dietro le quinte, non si è mai mostrato tanto con i Beatles ma c’era sempre. Sempre dietro di loro, con loro, c’era sempre”. Gli fa eco Ovidio Alfano, dagli Stati Uniti: “Certo forse ce l’avrebbero fatta lo stesso, ma io credo che lui sia stato una parte integrante del loro successo”.

Nel 1960 Martin che cercava nuovi talenti si imbatté in 4 ragazzi emozionatissimi e nel loro demo: “terribili” pensò ma “avevano fascino, carisma e senso dell’umorismo” e volle fare una prova.