ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Geroge Martin fu il primo a credere nei Beatles


mondo

Geroge Martin fu il primo a credere nei Beatles

Storico produttore dei 4 di Liverpool, George Martin era soprannominato il quinto beatle. E non a torto.

Nato nel 1926, da una famiglia di umili origini, si diploma alla prestigiosa accademia musicale Guildhall.

Geroge Martin è stato uno dei primi a credere nei Beatles: non ha soltanto fatto decollare i fantastici quattro verso il successo, ma ha influenzato la loro carriera in modo decisivo fin dal primo album Please Please Me.

George Martin:

“Nel 1965 venne registrata ‘Yesterday’ era la prima volta che scrivevo la musica per i Beatles, si trattava di un brano per un quartetto di strumenti a corda.
Una volta finito, Paul scarabocchiò sul pentagramma e disse: non c‘è il mio nome. È questo qui, scrisse Paul McCartney, John Lennon, sir George Martin e infine Mozart, a indicare che si trattava quasi di un pezzo di musica classica”.

Nel 1962 è a capo della casa discografica della Emi-Parlophone, con cui il manager dei Beatles, Brian Epstein, aveva firmato un contratto.

Quando Epstein fa ascoltare a Martin una demo dei Beatles, questi, racconterà in seguito, di non essere rimasto particolarmente impressionato dalla canzone, quanto dall’aria dissacrante dei 4 ragazzi.
Dopo una sessione di prova negli studi di Abbey Road il 6 giugno 1962 Martin decide di far firmare ai Beatles il contratto che li lega alla Emi-Parlophone.

In 50 anni di carriera Martin ha avuto 6 Grammy e ha prodotto oltre 700 dischi, musicista e compositore, suonava il piano e l’oboe, Martin si distingueva per innata eleganza e gentilezza.

Yoko Ono:
“La prima volta che l’ho incontrato ero molto sorpresa, era evidente la sua formazione classica, ma a veva quell’eleganza, era un vero gentleman, il classico gentleman inglese”.

Nel 1996 è stato nominato Knight Bachelor, onorificenza conferita dalla regina.

Oltre alla musica, Martin si è speso per diverse cause umanitarie e ha aiutato giovani talenti a emergere.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Russia: atteso tra dieci giorni il verdetto per la pilota ucraina Nadiya Savchenko