ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia. Scontri tra militanti curdi e polizia a Diyarbakir

Gruppi di militanti curdi si sono scontrati con la polizia turca a Sur, quartiere di Diyarbakir, nel Sud-Est della Turchia a maggioranza curda. Una

Lettura in corso:

Turchia. Scontri tra militanti curdi e polizia a Diyarbakir

Dimensioni di testo Aa Aa

Gruppi di militanti curdi si sono scontrati con la polizia turca a Sur, quartiere di Diyarbakir, nel Sud-Est della Turchia a maggioranza curda.

Una manifestazione di protesta era stata organizzata su spinta dei filo curdi del Partito Democratico del Popolo (Hdp) contro l’imposizione del coprifuoco e contro quella che il governo di Ankara definisce guerra al terrorismo. Diverse le persone arrestate.

Selahattin Demirtas, leader dell’Hdp: “Non vogliamo la sporca guerra dell’Akp nelle nostre città, nella nostra terra, nel nostro Paese. Abbiamo osato scendere in strada per protestare contro chi ha voluto questa guerra. Impedire questa protesta, osteggiarla è un crimine, è illegale” ha detto Demirtas.

Il Primo Ministro turco Ahmet Davutoglu ha risposto accusando i partiti filo curdi che siedono in Parlamento di fare il gioco dei militanti del Pkk, considerati terroristi.

“Per l’amor di Dio, qualcuno ha mai sentito i leader dell’Hdp dire al Pkk perchè rispondete alla nostra politica con le pistole? L’Hdp non vuole la pace, niente affatto. Vuole trascinare la Turchia nel caos collaborando con i terroristi. Ma noi non glielo permetteremo” ha detto il Premier.

Ieri intanto il governo turco ha sospeso il coprifuoco che da 3 mesi era stato imposto nella città ci Cizre, alla frontiera con la Siria. Quello che le famiglie hanno ritrovato è un panorama da guerra totale. Secondo l’Hdp almeno 170 persone sono morte negli scantinati usati come rifugi durante i bombardamenti delle forze di sicurezza turche.