ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sci, CdM: a Théaux la discesa di S. Caterina, SuperInnerhofer 4° trascinando un palo

Benvenuti a Gravity, il nostro programma dedicato allo sci alpino. Dopo Val Gardena, Alta Badia e Madonna di Campiglio, prosegue il ‘‘Giro d’Italia’‘

Lettura in corso:

Sci, CdM: a Théaux la discesa di S. Caterina, SuperInnerhofer 4° trascinando un palo

Dimensioni di testo Aa Aa

Benvenuti a Gravity, il nostro programma dedicato allo sci alpino. Dopo Val Gardena, Alta Badia e Madonna di Campiglio, prosegue il ‘‘Giro d’Italia’‘ con una tappa a Santa Caterina. I francesi si fanno notare in discesa con la vittoria di Adrien Théaux e il terzo posto di David Poisson.

La Francia festeggia sulle nevi italiane, Innerhofer senza quell’errore…

Adrien Théaux conquista la discesa libera di Santa Caterina Valfurva, una delle più belle e impegnative degli ultimi tempi. La pista dedicata a Deborah Compagnoni è ghiacciatissima e per questo ancor più difficile. Il 31enne transalpino, però, la interpreta alla perfezione, senza commettere errori, ottenendo così la terza vittoria in carriera in Coppa del Mondo, la prima da quasi tre anni.

Chiude alle sue spalle, a 1’‘04 di distacco, Hannes Reichelt. L’austriaco, che torna nella top 3 dopo oltre nove mesi d’assenza, precede di un decimo l’ottimo David Poisson. Per il transalpino è il primo podio in carriera in Coppa.

Protagonista, o meglio super eroe di giornata, è però l’azzurro Christof Innerhofer. Il 31enne di Brunico, dopo una quarantina di secondi, tocca una porta. Il telo gli resta impigliato al collo e per un pezzo di pista si trascina dietro anche il palo. Super-Innerhofer taglia così il traguardo con il ‘‘mantello’‘ sulle spalle. Senza quest’imprevisto, sarebbe quasi sicuramente salito sul podio. Il quarto posto resta comunque il suo miglior risultato stagionale.

Gara da dimenticare infine per Aksel Lund Svindal. Il norvegese, che fin qui aveva vinto tutte le discese in calendario, chiude settimo, ma riesce comunque a scavalcare Marcel Hirscher in vetta alla classifica generale.

Franck Piccard: “in una stagione senza Mondiali e Olimpiadi è più facile prepararsi al meglio”

La corsa per la sfera di cristallo acquista ancor più importanza quest’inverno, visto che non ci sono né Mondiali né Olimpiadi. Questo cambia qualcosa nella preparazione? E’ la domanda che abbiamo posto al nostro esperto Franck Piccard.

Franck Piccard: “Il programma è quasi identico. La sola differenza è che c‘è meno pressione. Si è più sereni nelle stagioni senza grandi appuntamenti, perchè si può preparare con tranquillità la stagione, gara dopo gara. E questo permette di creare un calendario per così dire pulito, neutro, senza dover essere pronti in un momento preciso. Perchè bisogna essere sempre pronti: all’apice della forma a dicembre, per essere più competitivi a febbraio e poi calmarsi un po’ a marzo. Tutto ciò fa sì che si possano organizzare bene gli allenamenti, rispettando il piano alla lettera”.

Il record di Marlies Schild

Martedi Frida Hansdotter si è imposta nello slalom di Lienz, in Austria, battendo la svizzera Wendy Holdener e la slovacca Petra Vlhova. E’ la sua prima vittoria nello slalom quest’inverno e la terza della carriera. Ma è ancora lontanissima dal record di Marlies Schild.

Il 17 dicembre 2013, quando si disputa lo slalom speciale di Courchevel, in Francia, è oltre un anno e mezzo che
Marlies Schild non sale sul gradino più alto del podio. Operata al ginocchio destro l’inverno precedente, l’austriaca ottiene finalmente nella località sciistica francese il 34esimo successo nella disciplina, eguagliando la svizzera Vreni Schneider. Trionferà per la 35esima e ultima volta 12 giorni dopo, a Lienz, prima di appendere gli scarponi al chiodo per dedicarsi alla famiglia.

It’s snowtime

E’ il periodo delle feste e dei regali. Allora anche noi ve ne facciamo uno, salutandovi con un video diventato virale su internet nel 2015. E’ stato visto 18 milioni di volte ed è firmato Candide Thovex, ex campione del mondo di freeride. It’s snowtime!