ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: svolta all'Onu, negoziati di pace al via a gennaio "ma differenze su Assad"

Al Consiglio di Sicurezza cadono i veti incrociati sulla Siria. Per la prima volta dell’inizio del conflitto e dopo oltre 250 mila morti, l’Onu

Lettura in corso:

Siria: svolta all'Onu, negoziati di pace al via a gennaio "ma differenze su Assad"

Dimensioni di testo Aa Aa

Al Consiglio di Sicurezza cadono i veti incrociati sulla Siria. Per la prima volta dell’inizio del conflitto e dopo oltre 250 mila morti, l’Onu approva all’unanimità una risoluzione sull’avvio di un processo di pace con l’obiettivo di stabilire entro 6 mesi un governo di transizione che includa anche l’opposizione al regime.

Un testo nel quale non si fa alcun riferimento al presidente Bashar al Assad. Sul suo futuro, sottolinea il segretario di Stato statunitense, John Kerry, restano ancora “nette differenze”: “Il presidente Assad ha perso quella credibilità che gli possa permettere di unire il Paese e di fornire la credibilità morale governare in futuro”, sostiene Kerry.

La roadmap prevede di dare il via ai colloqui all’inizio di gennaio, per passare all’approvazione di una nuova Costituzione e ad elezioni sotto l’egida dell’Onu entro 18 mesi.

“Solo il popolo siriano può definire il proprio futuro – dice il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov – Questa è una chiara risposta ai tentativi di imporre ai siriani una soluzione dall’alto su alcune questioni, tra le quali quella relativa al loro presidente”.

Bashar al Assad è ricomparso in pubblico 24 ore prima dello storica risoluzione Onu, durante un concerto di natale a Damasco. Nel braccio di ferro sulla sua uscita di scena pesa anche il rischio di un vuoto istituzionale come già accaduto in Iraq e in Libia.