ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Francia: socialisti e repubblicani sbarrano la strada al Front National


Francia

Francia: socialisti e repubblicani sbarrano la strada al Front National

Il Front National resta a bocca asciutta. Lo sbarramento contro l’estrema destra nelle regionali francesi ha prodotto l’effetto previsto.

Cocente sconfitta personale per Marine Le Pen, nettamente superata dal repubblicano Xavier Bertrand nel Nord-Pas-de-Calais-Piccardia, e per la nipote Marion Maréchal Le Pen, battuta da Christian Estrosi in Provenza-Alpi-Costa Azzurra.

“Rispetto all’ultima elezione regionale del 2010” sottolinea però Marine Le Pen “le nostre liste passano dal 9,17% al 30% dei voti in questo secondo turno, cioè 5 anni dopo. Il Front National sarà ormai la prima forza di opposizione nella maggior parte dei consigli regionali della Francia.”

I socialisti, che governavano tutte le regioni tranne l’Alsazia, ne mantengono solo 5. La Corsica sarà guidata dagli autonomisti, mentre i maggiori beneficiari della lotta al Front National sono i conservatori che ottengono 7 regioni.

“Questa mobilitazione in favore dei nostri candidati al secondo turno – afferma Nicolas Sarkozy – non deve però far dimenticare gli avvertimenti che sono stati inviati a tutti i responsabili politici, compresi noi, dal primo turno di queste elezioni regionali.”

Il pensiero corre già alle presidenziali previste tra un anno e mezzo. Anche i socialisti vogliono recuperare terreno per non rischiare di restare fuori dal ballottaggio nel 2017.

Il premier Manuel Valls assicura: “Stasera nessun sollievo, nessun trionfalismo, nessun messaggio di vittoria. Il pericolo dell’estrema destra non è allontanato del tutto. Io non dimentico i risultati del primo turno e delle precedenti elezioni e misuro la responsabilità che compete a me, a noi, al mio governo sotto l’autorità del Presidente della Repubblica.”

Benché si sia trattato di elezioni regionali, il loro risultato ha anche un riflesso sulle relazioni internazionali, segnando una frenata dei progetti populisti ed euroscettici, almeno per il momento.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Parigi: a un mese dagli attentati, continua il pellegrinaggio davanti al Bataclan