ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Migranti: la via del Nord, in Scandinavia passando dalla Russia

La polizia svedese sale sui treni in arrivo dall’estero per controllare i documenti dei viaggiatori: normale in molti paesi d’Europa, meno in Svezia

Lettura in corso:

Migranti: la via del Nord, in Scandinavia passando dalla Russia

Dimensioni di testo Aa Aa

La polizia svedese sale sui treni in arrivo dall’estero per controllare i documenti dei viaggiatori: normale in molti paesi d’Europa, meno in Svezia, tant‘è che l’opposizione accusa il governo di voler mettere fine a una tradizione ventennale di apertura.
La polizia, a Malmö, ha respinto una cinquantina di migranti provenienti dalla Danimarca in poco più di un’ora e mezza.

“Possono presentare la richiesta direttamente alla frontiera, il fatto di aver reintrodotto i controlli al confine non lede il loro diritto di chiedere asilo in Svezia, ma significa solo che possono rivolgersi direttamente al posto di frontiera, e quindi andare all’Agenzia per le migrazioni e registrarsi”, spiega un ufficiale.

In Scandinavia i migranti arrivano a migliaia anche dalla Russia, in quella che è stata ribattezzata “la via del Nord”, o via artica. Dalla località frontaliera russa di Nikel, siriani e afghani passano in Norvegia anche in bicicletta.

Non solo i nuovi profughi, ma anche quelli che erano già partiti, come questo afghano che ha studiato in Russia ma non ha trovato lavoro:

“Ho visto in televisione che la Norvegia ha delle belle città, ti aiutano a studiare e tutto, e quindi sono venuto qui”.

Non sono scoraggiati dal freddo e nemmeno dal buio, con la notte artica che si avvicina. Il flusso di migranti aumenta di giorno in giorno: inizialmente erano ospitati in una palestra a Kirkenes, prima tappa in Norvegia. Ora si è dovuto realizzare un nuovo centro per l’accoglienza provvisoria.