ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Medio Oriente: serie di attacchi, Netanyahu tenta di calmare la situazione

Almeno tre attacchi palestinesi alla vigilia della visita del premier israeliano negli Stati Uniti: è stata una domenica che non fa eccezione

Lettura in corso:

Medio Oriente: serie di attacchi, Netanyahu tenta di calmare la situazione

Dimensioni di testo Aa Aa

Almeno tre attacchi palestinesi alla vigilia della visita del premier israeliano negli Stati Uniti: è stata una domenica che non fa eccezione rispetto alla striscia di tentativi di accoltellamenti e investimenti che si verificano da inizio ottobre, per un bilancio che parla di undici morti israeliani e una settantina palestinesi.

Una donna è stata abbattuta dalla polizia dopo aver tentato di accoltellare, ferendola in modo leggero, una guardia privata, nell’insediamento ebraico di Beitar Illit, vicino a Betlemme.

In precedenza un uomo, poi ucciso dagli spari di una guardia, aveva investito almeno tre israeliani a una fermata dell’autobus nei pressi di Nablus.

E successivamente un altro israeliano è stato ferito, sempre con un coltello, da un giovane palestinese che si è dato alla fuga, nei pressi di Qalqilya.

La stessa zona in cui era riuscito a fuggire un paio di giorni fa l’autore di un altro accoltellamento: l’uomo si è consegnato ora alla polizia palestinese.

La tensione è riesplosa in reazione alle restrizioni imposte a Gerusalemme alla spianata delle Moschee, dopo dei primi scontri per via di quello che i palestinesi ritengono un tentativo di imporre la spartizione della zona sacra.

Nel tentativo di calmare la tensione e riconquistare la fiducia dell’alleato americano, ora Benjamin Netanyahu sembrerebbe pronto a fare qualche concessione, secondo la stampa israeliana. Il premier, nel corso dell’incontro delle prossime ore con Barack Obama, metterà sul tavolo misure come aiuti allo sviluppo dell’economia palestinese, rimozione di posti di blocco e un congelamento delle colonie.