ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mosca e Onu si confrontano sull' opposizione siriana

Portare allo stesso tavolo il governo di Damasco e l’ opposizione siriana. È con questo obiettivo che si sono confrontati a Mosca il ministro russo

Lettura in corso:

Mosca e Onu si confrontano sull' opposizione siriana

Dimensioni di testo Aa Aa

Portare allo stesso tavolo il governo di Damasco e l’ opposizione siriana. È con questo obiettivo che si sono confrontati a Mosca il ministro russo Serguei Lavrov e l’inviato dell’Onu per la Siria, Staffan de Mistura. Il rappresentante russo si è anche consultato telefonicamente con il segretario di Stato statunitense Kerry. In discussione c‘è la definizione degli alleati possibili nella composita galassia dell’opposizione siriana.

“Prima di tutto – ha sottolineato il ministro russo Lavrov – dobbiamo stilare di comune accordo due liste. Nella prima raggruppiamo le organizzazioni terroristiche a cui non viene applicato il cessate il fuoco. Nella seconda le delegazioni dell’opposizione che potranno partecipare ai colloqui con il governo con il sostegno dell’Onu e il coordinamento del rappresentante del Segretario Generale”.

Staffan de Mistura, l’inviato dell’Onu, ha sottolineato l’importanza dei primi punti di intesa raggiunti a Vienna: “Penso che gli attori regionali e la comunità internazionale possano aiutare a ricordare ad entrambe le parti – il governo e l’opposizione – ad avviare le discussioni senza precondizioni e a confrontarsi sui punti concordati nel corso dell’incontro di Vienna”.

Dalla Siria intanto l’Osservatorio per i diritti umani denuncia le azioni sul campo compiute da Mosca. Secondo l’organizzazione gli aerei russi hanno bombardato alcune zone incluse nelle aree di cessate il fuoco del nord ovest del paese, nella provincia di Idlib.