ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gli All Blacks e la finale: "Il primo avversario è l'eccesso di sicurezza"

I neozelandesi verso il big-match contro l'Australia. L'imperativo è dimenticare storia e favore dei pronostici. Anche se in Coppa del Mondo...

Lettura in corso:

Gli All Blacks e la finale: "Il primo avversario è l'eccesso di sicurezza"

Dimensioni di testo Aa Aa

Se l’Australia si rilassa, gli All Blacks prendono invece subito le cose sul serio. I neozelandesi lo sanno bene: prima ancora degli Wallabies, l’avversario da battere è il rischio di sentirsi la Coppa già in tasca.

Dalla loro non solo precedenti ma anche ruolino di marcia del torneo, gli All Blacks ripetono anche in conferenza stampa l’imperativo di “dimenticare tutto”.

A farsene portavoce davanti alle telecamere è la seconda linea Samuel Whitelock: “La bellezza di questa Coppa del mondo credo sia proprio nel fatto che tutto quanto è accaduto finora conta molto poco – dice il già campione nel 2011 -. Tutto si deciderà sul campo. Conosciamo ovviamente i precedenti di entrambe le squadre, ma tutto si giocherà sabato”.

Difficile tuttavia ignorare la lunga storia delle sfide tra All Blacks ed eterni rivali dell’Australia: 155 incontri ufficiali dal lontano 1903 e una maledizione da sfatare in Coppa del mondo, con gli Wallabies che conducono negli scontri diretti.