ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ben Carson: non vorrei musulmano a Casa Bianca. Polemica su candidato Rep

Gli Stati Uniti non dovrebbero eleggere un Presidente musulmano. Ne è fermamente convinto Ben Carson, il neurochirurgo in pensione, candidato

Lettura in corso:

Ben Carson: non vorrei musulmano a Casa Bianca. Polemica su candidato Rep

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli Stati Uniti non dovrebbero eleggere un Presidente musulmano. Ne è fermamente convinto Ben Carson, il neurochirurgo in pensione, candidato repubblicano alle presidenziali del 2016. Un’affermazione fatta durante un’intervista nel programma ‘Meet the press’ del canale Nbc.

“No, non sono d’accordo. Non darei il mio appoggio all’elezione di un musulmano come Capo dello Stato. Sono assolutamente contrario” ha detto Carson, secondo il quale la religione di un candidato Presidente “deve essere coerente con i valori americani e con la costituzione americana”. In realtà la Costituzione degli Stati Uniti afferma esattamente il contrario, sottolineando come la religione non possa in alcun caso essere un elemento dirimente per la vita pubblica e istituzionale.

Le parole di Carson hanno fatto seguito alla gaffe dell’altro candidato repubblicano, Donald Trump, rimasto in silenzio dopo che un suo sostenitore ha affermato, durante un comizio, che Barack Obama sarebbe musulmano. Il Consiglio per le relazioni islamico-americane (Cair) ha chiesto che Carson si ritiri.

“La sua posizione è incompatibile con la Costituzione degli Stati Uniti” ha detto Nihad Awad, Direttore e cofondatore del Cair. “Per questo lanciamo un appello urgente alla classe politica, all’opinione pubblica, ai rappresentanti delle comunità e ai candidati alla presidenza affinchè prendano le distanze da tale posizione. Chiediamo a Ben Carson di ritirarsi dalla corsa alla Casa Bianca perché è inadeguato alla presidenza”.

A trarre vantaggio dalla vicenda è la candidata democratica Hillary Clinton. Certo che un musulmano può diventare Presidente. Archiviamo la vicenda e andiamo avanti. Così ha liquidato la polemica con un Tweet.