ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germania, sfiduciato il procuratore che indagava sui blogger di netzpolitik

Il governo tedesco dà il benservito al procuratore generale che aveva indagato per alto tradimento il sito netzpolitik.org, ufficializzando uno

Lettura in corso:

Germania, sfiduciato il procuratore che indagava sui blogger di netzpolitik

Dimensioni di testo Aa Aa

Il governo tedesco dà il benservito al procuratore generale che aveva indagato per alto tradimento il sito netzpolitik.org, ufficializzando uno scontro tra poteri dello Stato.

Il ministro della Giustizia Heiko Maas ha dichiarato che la sua fiducia nei confronti del procuratore Harald Range e nella sua capacità di gestire l’incarico è venuta meno.

Per Range si aprono le porte del prepensionamento. Una punizione per aver pubblicamente criticato il ministro, che gli aveva chiesto di archiviare l’inchiesta.

“Infuenzare le indagini per evitare un esito che si teme inopportuno – aveva detto il procuratore – costituisce un’intollerabile ingerenza nell’indipendenza del potere giudiziario”.

La procura si era mossa nei confronti del sito netzpolitik.org, dopo una denuncia dei servizi segreti per rivelazione di presunti segreti di Stato: i blogger avevano parlato di un piano di sorveglianza delle comunicazioni online.

Il fondatore del sito si dice “irritato dal fatto che l’inchiesta prenda ogni giorno una nuova direzione. Soltanto ieri – afferma – la cancelliera ci aveva confidato di ritenere il procedimento infondato, almeno per quanto riguarda l’ipotesi di alto tradimento”.

Nei giorni scorsi, centinaia di persone avevano manifestato a Berlino per denunciare quello che consideravano un tentativo di imbavagliare la stampa. Una critica rilanciata anche dall’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa.