ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia. Code ai bancomat ad Atene dopo annuncio chiusura banche

Le banche greche resteranno chiuse almeno fino al prossimo 6 luglio compreso, all’indomani cioè del referendum sulle misure proposte dai creditori

Lettura in corso:

Grecia. Code ai bancomat ad Atene dopo annuncio chiusura banche

Dimensioni di testo Aa Aa

Le banche greche resteranno chiuse almeno fino al prossimo 6 luglio compreso, all’indomani cioè del referendum sulle misure proposte dai creditori internazionali. La decisione del governo ellenico del Premier Alexis Tsipras era prevedibile se non inevitabile e si accompagna al limite imposto alla quantità di liquidi che i privati possono ritirare ogni giorno: 60 euro.

Gli effetti dell’avvitarsi della crisi, già ben percepibili nei giorni e nelle settimane passate, si concretizzano ora nelle lunghe code davanti ai bancomat di Atene, mentre il Primo Ministro ha ripetuto ieri che le misure d’urgenza adottate per controllare la liquidità disponibile nel Paese non avranno alcuna ripercussione sui versamenti per via elettronica degli stipendi.

Ieri sera il Presidente della Repubblica Prokopis Pavlopoulos ha avuto un vertice d’urgenza con il Premier Tsipras. Georgios Katrougalos, Vice Ministro per le Riforme dell’Amministrazione: “È chiaro che i nostri creditori ci stanno facendo ancora più pressione per cercare di annullare il referendum o, nella peggiore delle ipotesi, per influenzarne l’esito” ha detto. “Ecco perchè, contro questo ricatto, dobbiamo restare sereni e perseguire al meglio il nostro interesse”.

La nostra corrispondente ad Atene Symela Touchtidou: “Dopo 6 ore di vertice di gabinetto il governo ellenico ha dichiarato di essere determinato a mantenere il referendum di domenica prossima, anche con le banche chiuse”.