ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Negoziato greco ancora sospeso, poche aspettative per Eurogruppo

Ad ascoltare le dichiarazioni che rimbalzano tra Bruxelles e Atene si direbbe che il disco si è incantato: “la palla è nel campo dei greci”- il

Lettura in corso:

Negoziato greco ancora sospeso, poche aspettative per Eurogruppo

Dimensioni di testo Aa Aa

Ad ascoltare le dichiarazioni che rimbalzano tra Bruxelles e Atene si direbbe che il disco si è incantato: “la palla è nel campo dei greci”- il mantra che i responsabili europei ripetono ogni volta che si esprimono sul dossier ellenico. A Bruxelles aspettano, invano per ora, nuove proposte da parte del governo di Tsipras.

“Se i greci non accettano alcuni punti del programma – ci sono discussioni, per esempio, sull’iva sull’elettricità e sulle pensioni più basse – noi siamo pronti a discutere misure alternative”. Così il Vicepresidente della Commissione europea per l’Euro, Valdis Dombrovskis.

Intanto, da L’Aja, il presidente dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, non chiude la porta ad un accordo nel corso dell’Eurogruppo, anche se ammette che le possibilità sono poche, ribadendo anche la chiusura degli Stati membri a tagliare il debito greco.

“Sta ai greci presentare una serie di alternative. Quello che non vogliono, lo hanno detto fin troppo chiaramente. Ma allora devono presentare delle misure che sostituiscano quelle che non vogliono – stiamo ancora aspettando queste proposte; finché non arrivano, non possiamo raggiungere un accordo”.

Il tempo stringe, senza contare poi che dopo aver trovato un’intesa ci vorrebbero anche i tempi tecnici per tradurla in documenti legali, da ratificare poi in diversi parlamenti nazionali.

Efi Koutsokosta, euronews

Non ci sono molte aspettative per l’Eurogruppo, questo giovedì. Secondo i responsabili europei, le concessioni già fatte dai creditori dall’inizio delle trattative sono enormi. Resta da vedere chi farà il primo passo per sbloccare il negoziato e non si esclude un Summit dei leader della zona euro durante il weekend, visto che alla fine del mese, tra appena due settimane, scade l’attuale programma di aiuti.