ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia, Valls sotto attacco per trasferta a Berlino. Platini: l'avevo invitato

Quella trasferta Parigi-Berlino per la finale di Champions League sta costando cara al premier francese Manuel Valls, in difficoltà nel giustificare

Lettura in corso:

Francia, Valls sotto attacco per trasferta a Berlino. Platini: l'avevo invitato

Dimensioni di testo Aa Aa

Quella trasferta Parigi-Berlino per la finale di Champions League sta costando cara al premier francese Manuel Valls, in difficoltà nel giustificare il viaggio su un Falcon di Stato, insieme a due suoi figli.

A venirgli incontro è stato il presidente Uefa Michel Platini, che ha confermato di aver invitato a Berlino Valls, tifoso del Barcellona, con il quale avrebbe avuto una riunione di lavoro.

“Valls voleva incontrarmi prima della partita. Il suo portavoce mi ha informato che il primo ministro desiderava affrontare due temi: il primo riguardava questioni organizzative tra il governo francese e la Uefa, in vista di Euro 2016, e il secondo la situazione del calcio internazionale dopo la crisi alla FIFA”.

Una versione, confermata da Valls, che non convince i deputati dell’opposizione, alcuni dei quali invitano il premier a rimborsare le spese della trasferta, stimate intorno ai 15 mila euro, e a scusarsi con i francesi.

Thierry Solère, ex UMP rinominato Partito Repubblicano, si dice “sconvolto dal fatto che Valls non ammetta l’errore. I soldi pubblici sono preziosi – aggiunge – è assurdo che non se ne renda conto”.

“Quando si danno lezioni di virtù, non bisogna farsi sorprendere con le mani nella marmellata”, ironizza il collega di partito Claude Groasguen.

L’affaire nasce dalla passione del primo ministro per il calcio: una caratteristica che lo stesso Valls rivendica con orgoglio, sostenendo che senza passione non si possa fare politica.