ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nuovo terremoto, vecchie paure. Gli sfollati in Nepal: "Siamo abbandonati"

Tra coloro che avevano riguadagnato la loro abitazione dopo il devastante sisma del 25 aprile, molti sono tornati a dormire in strada

Lettura in corso:

Nuovo terremoto, vecchie paure. Gli sfollati in Nepal: "Siamo abbandonati"

Dimensioni di testo Aa Aa

Il terremoto di ieri ripiomba il Nepal nel panico e risveglia i ricordi delle 8.000 vittime, fatte da quello dello scorso mese.

Point of view

Nessuno osa più restare in casa - dice un residente -. Siamo tutti terrorizzati, ma non sappiamo che fare

Tra coloro che da poco avevano riguadagnato le loro abitazioni, a Katmandu intere famiglie sono tornate a passare la notte all’addiaccio per il timore di nuove scosse.

Mentre la conta delle vittime sale ad almeno 65 in Nepal e 17 nella vicina India le voci dei residenti tradiscono paura e smarrimento. “Tutti sono terrorizzati – dice uno di loro -. Nessuno osa più restare in casa. Dormiamo in tenda e non c‘è nessuno che ci dica cosa fare. E’ questo il problema. Perché le cose vanno così?”.

Sempre più accreditata, intanto, secondo informazioni ricevute dall’esercito nepalese, l’ipotesi che l’elicottero dei Marines scomparso nella zona del sisma con otto persone a bordo si sia schiantato in un fiume. L’equipaggio, che partecipava alle operazioni umanitarie, aveva riferito via radio di essere a corto di carburante.

L’epicentro del sisma di lunedì, di magnitudo 7.3, è stato localizzato a un’ottantina di chilometri da Katmandu. I danni più importanti si sono registrati nei distretti di Dolakha e Sindhupalchowk, che già avevano pagato un pesante prezzo in occasione del devastante terremoto di magnitudo 7.8 del 25 aprile. Gli smottamenti comportati complicano tuttavia al momento il raggiungimento di diverse aree, rendendo più difficili non solo i soccorsi ma anche le effettive stime dei danni.