Israele: nasce il Netanyahu quater, Educazione e Giustizia a estrema destra

Access to the comments Commenti
Di Salvatore Falco  Agenzie:  Ansa
Israele: nasce il Netanyahu quater, Educazione e Giustizia a estrema destra

<p>Il quarto esecutivo Netanyahu fa virare Israele verso l’estrema destra. Il leader del Likud ha trovato – sul filo di lana della scadenza prevista dalla legge – l’intesa con Focolare ebraico, il partito dei coloni.</p> <p>La nuova maggioranza non appare molto solida: sia perché conta 61 seggi su 120, sia perché Bibi e Naftali Bennett, leader di Focolare ebraico, non si sono mai amati.</p> <p>Il Likud, inoltre, è deluso al suo interno perché il 17 marzo ha portato via voti a Focolare ebraico e ora si trova a sottostare alle richieste di Bennett che – secondo i media – avrà 3 ministeri di peso: Educazione, Giustizia e Agricoltura. Abbastanza per ostacolare la nascita di uno Stato palestinese, come promesso da Netanyahu alla vigilia del voto.</p> <p>“Se sarà confermato Primo ministro, non nascerà uno Stato palestinese?”</p> <p>“Sicuramente no – è stata la risposta di Netanyahu – Sarà presentata un’iniziativa internazionale per il ritorno ai confini del 1967 e per la divisione di Gerusalemme. Questi sono i fatti. Abbiamo bisogno di formare un governo forte, guidato dal Likud, per respingere queste pressioni”.</p> <p>Difficile respingere queste pressioni con un solo voto di maggioranza, soprattutto di fronte ai dossier sul tavolo: quello del nucleare dell’Iran, con lo scontro aperto con Barack Obama, e la ripresa del dialogo con i palestinesi.</p> <p>A Ramallah, in Cisgiordania, nessuno ci crede più. La nuova coalizione israeliana, dice l’Autorità nazionale palestinese, è estremista e avversa alla pace.</p> <p>“Questo è un governo di destra che vuole l’ampliamento delle colonie, rifiuta la soluzione dei due Stati e spinge verso una paralisi politica di lungo termine – dice Nabil Abu Rdainah, portavoce del presidente Mahmoud Abbas – Questa si rifletterà sulla regione e sarà pericolosa non solo per la causa palestinese, ma per l’intero Medio Oriente”.</p> <p>In tanti predicono un esecutivo di pochi mesi e poi vari scenari: un allargamento della maggioranza, oppure l’ingresso di Herzog con un cambio di rotta. O ancora, nuove elezioni. Israele, intanto, concede nuovi permessi per la costruzione di 900 abitazioni per i coloni a Gerusalemme est.</p>