ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

GB, elezioni: la sfida tutta a destra di Ramsgate

Nella sfida elettorale tra i due grandi partiti, nell’incertezza che avvolge il Regno Unito, c‘è anche una sfida più piccola ma non meno

Lettura in corso:

GB, elezioni: la sfida tutta a destra di Ramsgate

Dimensioni di testo Aa Aa

Nella sfida elettorale tra i due grandi partiti, nell’incertezza che avvolge il Regno Unito, c‘è anche una sfida più piccola ma non meno significativa, quella tra Nigel Farage, il leader del partito euro-scettico e anti-immigrazione, e il suo ex-vice.
Siamo andati a Ramsgate, nella circoscrizione di South Thanet. In questa campagna elettorale si parla tanto di Europa ma anche di immigrazione.

“Quel che succede nel nostro Paese ci porta ad avere pregiudizi, ma non siamo gente portata al pregiudizio”, dice una passante.
“Noi amiamo tutti, andiamo in vacanza all’estero, ma c‘è un limite a tutto”, continua.

“Penso che dovremo tenerci Cameron – dice un altro elettore -, perché tra due diavoli è meglio quello che già si conosce. Almeno sta tentando di risolvere le cose. Ci ha dato la possibilità di un referendum l’anno prossimo”.

“Se Nigel Farage non riuscirà a conquistare questo seggio alla Camera dei Comuni, potrebbe pagare un prezzo molto alto. L’euro-parlamentare britannico dice che si dimetterà dalla guida del partito se perderà questa sfida”, commenta l’inviato di euronews.

Farage aveva tentato già una volta, nel 2005, di farsi eleggere qui. Non c’era riuscito, ma all’epoca non aveva la visibilità di cui gode oggi. E oggi contesta il sistema elettorale maggioritario secco:

“Abbiamo politiche totalmente negative nel Paese, e comincio a pensare che dipenda dal sistema maggioritario secco, che fa sì che si dica ‘vota per me, noi facciamo meno schifo degli altri’, ma se avessimo una forma di sistema proporzionale potremmo vedere gente che dice ‘vota per me, perché queste sono le notre proposte’ “.

Secondo gli ultimi sondaggi, in questa circoscrizione che si affaccia sull’Europa continentale è una lotta a due tra UKIP e conservatori. Ma secondo Craig Mackinlay votare UKIP è inutile. Conosce bene quel partito, essendone stato vice-segretario prima di passare a Tories, per i quali ora è candidato:

“Di due candidati, solo uno sarà Primo Ministro. O David Cameron, oppure Ed Miliband. L’unico partito che sia in grado di governare, e che secondo me governerà, è il partito conservatore, e noi abbiamo dato garanzie d’acciaio sul fatto che sull’Europa ci sarà un referendum e un nuovo negoziato. Qualunque altro voto significa che tutto questo non si farà”.

Quella di South Thanet è una circoscrizione che può offrire allo UKIP delle possibilità di vittoria, secondo gli analisti, perché la popolazione è piuttosto anziana e in gran parte autoctona, tendenzialmente critica soprattutto sulle politiche dell’immigrazione.