This content is not available in your region

Negoziati sul nucleare iraniano. Il punto

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Negoziati sul nucleare iraniano. Il punto

<p>L’atto definitvo per la stesura finale del documento sul nucelare civile iraniano verrà fatto la settimana prossima secondo il responsabile esteri di Teheran Mohamad Javad Zarif. </p> <p>Gli iraniani non perdono la faccia, perché è riconosciuto loro il diritto di continuare ad arricchire uranio. <br /> L’Occidente guadagna una conferma ufficiale di trasparenza circa il programma atomico dell’Iran che resta il paese più controllato al mondo dall’AIEA.</p> <p>Ci sono però questioni aperte in questo negoziato: </p> <p>1. Con quale rapidità le sanzioni verranno rimosse? </p> <p>Si tratta del problema principale. Teheran pretende che nel momento in cui venga firmato l’accordo le sanzioni cadano tutte e immediatamente. Il gruppo dei 5+1 insiste invece sul fatto che essere debbano essere tolte progressivamente se Teheran manterrà fede agli impegni presi. </p> <p>2. Come togliere le sanzioni? </p> <p>Esistono profonde divergenze sul “come” togliere queste sanzioni internazionale imposte dal Consiglio di Sicurezza dell’Onu in rappresentanza di Unione Europea e Stati Uniti. La posizione iraniana è quella secondo cui, una volta che l’Onu toglie l’embargo, tutte le sanzioni di UE e Stati Uniti dovrebbero decadere. </p> <p>3. Supervisione. Chi si occuperà di controllare? </p> <p>Secondo le decisioni uscite dall’incontro di Losanna, l’Iran acceta l’implementazione di un protocollo addizionale al trattato di non-proliferazione di armi nucleari. La competenza sarà dell’<span class="caps">AIEA</span> (l’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica) che si occuperà di controllare il rispetto dei termini degli accordi. Teheran ha però fatto sapere che non accetterà controlli senza limitazioni e che comunque non permetterà controlli all’interno delle sue basi militari. </p> <p>4. Ruolo dei parlamenti </p> <p>Barack Obama dovrà dare al Congresso l’ultima parola sull’eventuale via libera alla stesura definitiva. La commissione Esteri del Senato Usa ha approvato all’unanimità (19 sì e nessun no), con totale condivisione bipartisan tra repubblicani e democratici, un provvedimento che attribuisce al Congresso il compito di rivedere l’intesa con la Repubblica islamica. Anche il parlamento iraniano ha, in teoria, il diritto di esprimersi sul testo finale dell’accordo.</p>