ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Flamenco e kathak, unione virtuosa

Lettura in corso:

Flamenco e kathak, unione virtuosa

Dimensioni di testo Aa Aa

Due ballerini portano sul palcoscenico la fusione della loro arte con due generi ben diversi, il flamenco e il kathak, cioè la danza classica

Due ballerini portano sul palcoscenico la fusione della loro arte con due generi ben diversi, il flamenco e il kathak, cioè la danza classica indiana.

Akram Khan, uno dei più celebri e rispettati artisti del Bangladesh odierno e lo spagnolo pluridecorato Israel Galván hanno creato “Torobaka”, un superbo scambio di elementi di danza, un dialogo tra due culture.

Si esibiscono ad Atene al Centro Onassis.

Israel Galvan, coreografo: “Si tratta di un’opera aperta. Non c‘è un copione, è come un concerto. Io lo vedo come un dialogo. Alla fine sono come due ballerini fra i quali la conversazione è ballare”.

“Torobaka” prende nome da un poesia di Tristan Tzara ispirata ai Maori.

Il toro e la vacca sono animali sacri nelle tradizioni delle danze spagnole e indiane. I due ballerini cercano di creare qualcosa di nuovo per una migliore compresnione.

Akram Kahn, coreografo: “Flamenco e Kathak hanno collegamenti tra loro. La partitura scenica, il tipo di vocalizzazione, l’elemento ritmico, il movimento dei piedi. L’arma dei ballerini di flamenco sono le scarpe, la nostra arma sono le campanelle attorno alle caviglie. Credo che il terreno comune d’ incontro sia la musica. “

Akram Kahn:
“Con questa piece vogliamo celebrare per un verso il collegamento fra due tradizioni ma anche rivisitarle immaginando cosa vuol dire tradizione nel passato”.

Due forze opposte s’ incontrano in un cerchio. E ‘come un duello tra due abili ballerini, due forme sul banco di bilanciamento. All’inizio del progetto Akram Kahn ha portato con sé la pace e l’inerzia di cultura e danza indiana.

Israel Galvan era piu’ aggressivo come richiede il flamenco.

Israel Galvan:
“Ero piu’ violento nel ballo e adesso visto che mi entra nel corpo altra energia, piu’ dolce, sono piu’ calmo”.

La prima mondiale di Torobaka c‘è stata lo scorso giugno a Grenoble.

Intanto ci si esibisce ad Atene fino al 15 marzo. Le piazze successive sono: Oslo, Stoccolma, Colonia, Londra.

http://www.akramkhancompany.net/html/