This content is not available in your region

"Volevano unirsi all'ISIL". Adolescenti australiani fermati all'aeroporto

Access to the comments Commenti
Di Euronews
"Volevano unirsi all'ISIL". Adolescenti australiani fermati all'aeroporto

<p>Il caso di due adolescenti australiani fermati venerdì all’aeroporto di Sydney mentre provavano a raggiungere una non meglio specificata “zona di conflitto” induce l’Australia a una stretta contro il reclutamento di nuovi, potenziali, jihadisti. </p> <p>A sottolineare l’urgenza di un rinnovato sforzo nella lotta all’<span class="caps">ISIL</span> è stato lo stesso premier Tony Abbott. </p> <p>“Troppi australiani sembra che stiano subendo un lavaggio del cervello da questi venditori di un culto di morte – ha detto Abbott -. I due adolescenti che l’altro giorno hanno provato a raggiungere il Medioriente e che sono stati fermati all’aeroporto sono un ulteriore esempio del richiamo esercitato da questo culto di morte. E’ quindi importante che si faccia di tutto per schiacciare questa minaccia”. </p> <p>Il fermo dei due giovani, fratelli di 16 e 17 anni poi riconsegnati ai genitori, è stato salutato dal Ministro dell’immigrazione Peter Dutton come un successo, che ha salvato non solo la loro, ma potenzialmente anche la vita di numerosi altri australiani.</p>