ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nemtsov: quattro sospetti arrestati, uno ricercato, altro si fa esplodere

Lettura in corso:

Nemtsov: quattro sospetti arrestati, uno ricercato, altro si fa esplodere

Dimensioni di testo Aa Aa

I due principali sospettati per l’omicidio di Boris Nemtsov vengono presentati al giudice per la convalida del fermo.
Si tratta di Anzor Gubashev e Zaur Dadayev, due cugini ceceni. Gubashev viveva da quasi dieci anni a Mosca, insieme al fratello minore, anch’egli fermato. Dadayev, che è vice-comandante del battaglione “Sever” del Ministero dell’Interno ceceno, è stato interrogato in mattinata, in assenza dell’avvocato.

La madre dei fratelli Gubashev conferma che vivevano a Mosca da una decina d’anni. “Abbiamo saputo ieri che sono stati arrestati, non posso credere che abbiano fatto una cosa del genere”, aggiunge.

Anzor Gubashev lavorava come guardia di sicurezza in un supermercato moscovita. Era in compagnia del fratello, al momento dell’arresto avvenuto il 5 marzo in Inguscezia. Sempre in Inguscezia, ma il giorno dopo, è stato arrestato Dadayev insieme a un quarto sospetto. Una quinta persona, individuata a Grozny, si è uccisa con una granata al momento dell’arresto. E ci sarebbe anche un sesto sospetto, tuttora ricercato.

Nemtsov, uno dei leader più noti internazionalmente nell’opposizione russa, era stato ucciso a pochi passi dal Cremlino la sera del 27 febbraio.