ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Volo AirAsia, nessuna minaccia nelle registrazioni della cabina

Le trascrizioni saranno completate entro la settimana. Si tenta di recuperare la fusoliera. Trovati altri due corpi.

Lettura in corso:

Volo AirAsia, nessuna minaccia nelle registrazioni della cabina

Dimensioni di testo Aa Aa

Escluso il terrorismo dalle possibili cause dell’incidente all’aereo della AirAsia, inabissatosi il 28 dicembre nel mare di Giava.

Nelle registrazioni relative alla cabina di pilotaggio, ascoltate per intero ma trascritte per metà (l’operazione sarà completata entro la settimana), non si avvertono minacce, ma solo la voce dei piloti alle prese con la gestione dell’aereo.

Le squadre di soccorso tentano ancora di recuperare la fusoliera, come spiega Suryadi Bambang Supriyadi, direttore delle operazioni per la Indonesia’s National Search and Rescue Agency:

“La sola difficoltà è come immergersi nell’area. Se i nostri sommozzatori potessero raggiungere la fusoliera e controllarla, avremmo trovato la soluzione. Ma per via delle correnti sottomarine, non possono raggiungere il fondo. Ciò ha ostacolato l’operazione”.

A bordo del velivolo, partito da Surabaya, in Indonesia, e diretto a Singapore, c’erano 162 persone, ma finora sono solo 53 i corpi recuperati, dopo che sono stati trovati in acqua quelli di altri due passeggeri, ancora legati ai loro seggiolini.