ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Marc Márquez: ''ho realizzato il mio sogno, ora voglio lottare per il titolo ogni anno"

Intervista con Marc Márquez, due volte Campione del Mondo di MotoGP

Lettura in corso:

Marc Márquez: ''ho realizzato il mio sogno, ora voglio lottare per il titolo ogni anno"

Dimensioni di testo Aa Aa

Cinzia Rizzi, euronews:

Point of view

Ad inizio stagione, il più pericoloso secondo me sarà Valentino Rossi.

“Due volte Campione del Mondo di MotoGP, altre due volte nelle due categorie minori. A 21 anni Marc Márquez, il pilota dei record, è un fenomento del motociclismo e l’orgoglio di Cervera, la sua città natale. Un extraterrestre delle due ruote, ma un ragazzo con i piedi per terra nella vita di tutti i giorni. Un pilota atipico che ha scritto la storia e continuerà a farlo”.

Euronews ha incontrato Marc Márquez proprio nella sua Cervera, in occasione dell’inaugurazione del nuovo fan club.

Cinzia Rizzi, euronews:
‘‘Marc, complimenti. Ti aspettavi una stagione così?’‘

Marc Márquez, due volte Campione del Mondo di MotoGP:
‘‘Grazie mille. Non ti aspetti mai una stagione tanto bella, no? Onestamente, mi aspettavo di poter lottare per il titolo, perchè questo era l’obiettivo, però non pensavo di vincere 13 gare, fare 13 poleposition e vincere il Mondiale così presto. Però possiamo dire che è stata una stagione quasi perfetta’‘.

Cinzia Rizzi, euronews:
‘‘Nel 2008 prima di diventare Campione per la prima volta in Moto3, hai detto: ‘il mio sogno è diventare un giorno Campione di MotoGP’. Lo sei già due volte. Che sogno hai ora?’‘

Marc Márquez, due volte Campione del Mondo di MotoGP:
‘‘Il mio sogno più grande era provare a diventare Campione delle tre categorie. E l’ho realizzato, in MotoGP due volte. Ora il mio obiettivo è provare a lottare per il titolo ogni anno. Nessuno si stanca mai a vincere. Però c‘è un altro sogno che mi piacerebbe realizzare in futuro ed è quello di aiutare un giovane pilota. Perchè so che è quando si è bambini che la famiglia ha bisogno di aiuto. Non tutte le famiglie possono permettersi il lusso di aiutare il proprio bambino’‘.

Cinzia Rizzi, euronews:
‘‘Cosa significa essere paragonato a grandi Campioni come Doohan, Rossi, Agostini?’‘

Marc Márquez, due volte Campione del Mondo di MotoGP:
‘‘E’ incredibile, perchè sono nomi che vedevo molto lontani, leggende del motociclismo. In particolare Valentino Rossi era l’eroe della mia infanzia, lo vedevo lì e pensavo: ‘non potrò mai raggiungere il suo livello’. E ora sto lottando proprio con lui e sto imparando molte cose. E’ una cosa che all’inizio ho fatto fatica ad accettare, però ora sono per così dire più abituato. E’ un privilegio essere paragonato sempre a leggende del motociclismo.’‘

Cinzia Rizzi, euronews:
‘‘Chi è per te ora il rivale più pericoloso, quello che ti fa più paura?’‘

Marc Márquez, due volte Campione del Mondo di MotoGP:
‘‘Ad inizio stagione, il più pericoloso secondo me sarà Valentino, perchè ha chiuso secondo lo scorso anno. Però so perfettamente che Jorge Lorenzo è un rivale molto pericoloso, perchè quando è nell’anno giusto, è concentrato, lavora bene ed è molto difficile da battere. E poi c‘è Dani Pedrosa, che è sempre molto regolare e anche se non fa troppo rumore, alla fine è sempre in lotta per il titolo anche lui.’‘

Cinzia Rizzi, euronews:
‘‘Chiedesti ai tuoi genitori una moto quando avevi 4 anni. Perchè non un go-kart o qualcos’altro?’‘

Marc Márquez, due volte Campione del Mondo di MotoGP:
‘‘Non mi ricordo di preciso, però sicuramente fu perchè i miei genitori andavano ai circuiti di moto, ad assistere alle gare e aiutavano inoltre come volontari in un circuito qui vicino al mio paese. Io andavo con loro sin da piccolissimo, quando avevo 2 anni e vedevo le moto. Di sicuro la passione mi venne da lì. Continuando a vedere moto, alla fine ne volli una.’‘

E cosa pensò sua madre, Roser Alentà, quando Marc le chiese in regalo una minimoto a benzina?

Roser Alentà, madre di Marc e Alex:
‘‘Pensavo che era solo un passatempo. Come qualsiasi bambino che chiede qualcosa a Babbo Natale. Ci ha chiesto la moto a benzina e ho pensato che quando l’avrebbe ricevuta, la fissazione sarebbe durata solo 3 o 4 mesi.’‘

Cinzia Rizzi, euronews:
‘‘Qual è il più bel ricordo che hai?’‘

Marc Márquez, due volte Campione del Mondo di MotoGP:
‘‘Il mio più bel ricordo è molto recente. Ed è quello di novembre a Valencia, quando ho visto vincere il Mondiale a mio fratello. Io avevo già vinto, avevo già l’esperienza e poter vincere insieme a lui, vedere mio fratello Campione, beh, è una cosa che non dimenticherò mai. E’ stata un’esperienza unica. E’ diverso quando vinci tu o vince uno dei tuoi.’‘

Cinzia Rizzi, euronews:
‘‘Cosa invidi a tuo fratello? Una cosa che lui ha e tu non hai.’‘

Marc Márquez, due volte Campione del Mondo di MotoGP:
‘‘Quando usciamo a far festa, invidio la sua altezza. Lui è più alto!’‘

Álex Márquez, Campione del Mondo di Moto3:
‘‘Beh, sì la mia altezza, però è andata bene anche a lui essere piccolino. Me la invdia per modo di dire.’‘

Marc Márquez, due volte Campione del Mondo di MotoGP:
‘‘Tra fratelli ci invidiamo poco perchè praticamente abbiamo le stesse cose. Siamo sempre insieme, ad allenarci, in viaggio, in vacanza. Ed è sempre bello avere un fratello che ha i tuoi stessi interessi, corre in moto come te e con il quale puoi prepararti e condividere la stessa filosofia di vita.’‘

Álex Márquez, Campione del Mondo di Moto3:
‘‘La cosa che io gli invidio sono i quattro titoli. Io ne ho solo uno! Ogni pilota della griglia gli invidia questo.’‘

E cosa succederà il giorno che si ritroveranno l’uno contro l’altro?

Marc Márquez, due volte Campione del Mondo di MotoGP:
‘‘Fino ad ora ci aiutiamo molto, reciprocamente. Se un giorno saremo entrambi in MotoGP, beh, vedremo. Di sicuro in quel momento le informazioni passeranno con il contagocce. No, scherzo… però credo che alla fine sia che vinca lui o che vinca io, siamo contenti entrambi. Se un giorno poi ci troveremo l’uno contro l’altro, sarà un buon segno e vedremo come gestire la cosa.’‘

Álex Márquez, Campione del Mondo di Moto3:
‘‘Beh, spero di trovarmi un giorno di fronte a questo problema, perchè vorrà dire che sarò in MotoGP, là davanti a lottare con lui e questo sarebbe un sogno. Manca ancora molto e preferisco non pensarci però spero che un giorno si presenti questo ‘problema’.’‘

Julià Márquez, padre di Alex e Marc:
‘‘Per ora Alex è in Moto2 e Marc in MotoGP e se un giorno il lavoro di Alex andrà bene e arriverà nella classe regina con Marc, bisognerà incrociare le dita e… che vinca il migliore!’‘

Cinzia Rizzi, euronews:
‘‘Per te la famiglia è molto importante. E ora che ti trasferisci, ti mancheranno la famiglia, Cervera, gli amici?’‘

Marc Márquez, due volte Campione del Mondo di MotoGP:
‘‘Chiaro, la famiglia è sempre stata molto importante per me e siamo sempre stati tutti molto uniti. Come per tutti i giovani, arriva poi un momento nel quale vuoi avere la tua casa, il tuo spazio. Però c‘è sempre un intervallo di tempo per farlo, non è che da un momento all’altro me ne vado a vivere da solo! Vedrò, poco a poco, come andrà e al massimo tornerò a casa, dai miei genitori, che si sta molto bene lì!’‘