ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Kaufmann eroe tragico di Puccini

Lettura in corso:

Kaufmann eroe tragico di Puccini

Dimensioni di testo Aa Aa

È considerato uno dei più versatili tenori del nostro tempo e ora ha aggiunto un altro ruolo al suo repertorio. Jonas Kaufmann debutta nel ruolo del cavaliere Renato Des Grieux nella “Manon Lescaut” di Puccini.

L’opera arriva per la prima volta dopo 30 anni sul palco della Royal Opera House di Londra.

“È un ruolo bellissimo e penso lo interpreterò molto in futuro. Ciò significa l’inizio di una grande relazione con quest’opera, e di una passione”, dice Kaufmann.

La voce di Des Grieux è stata per anni quella di Plácido Domingo. Oggi Kaufmann non può che seguire i passi del celebre tenore spagnolo.

Ispirata da un romanzo dell’Abbé Prévost, l’opera conobbe un’iniziale opposizione da parte dell’editore, timoroso del confronto con la Manon di Jules Massenet, che aveva avuto un grande successo.

Puccini non si fermò. La prima rappresentazione fu al Teatro Regio di Torino, il 1 febbraio del 1893.

“Manon Lescaut è un’opera molto, molto speciale. Rotte tutte le dighe, il suo talento all’improvviso trova la giusta messa a fuoco per la storia, il progetto e i personaggi”, racconta Antonio Pappano, direttore musicale alla Royal Opera House.

Viene considerata la più wagneriana delle opere di Puccini.

“Si può trovare un po’ di tutto in quest’opera: ascolti un po’ di Verdi ma anche il Wagner dei maestri cantori di Norimberga “, dice Kaufmann.

“Puccini ascoltò la musica di Wagner a Bayreuth. Ne venne travolto. Wagner in qualche modo era la via da seguire. Orchestralmente parlando si può percepire ciò in tutta la Manon Lescaut, è meravigliosamente ricca”, aggiunge Pappano.

L’opera, messa in scena da Jonathan Kent, racconta l’amore del cavaliere Renato des Grieux per Manon, divisa fra la passione per il giovane in miseria e quella altrettanto forte per il denaro, che la spinge nelle braccia di uomini facoltosi.

“Non riesce a far andare via questa donna, è una passione, quasi un’ossessione. Altrimenti non si spiegherebbero le sue azioni, che lo tengono legato a lei tra alti e bassi, anche se questa donna continua a deluderlo. Ma lui rimane sempre al suo fianco”, spiega Kaufmann.

E conclude: “‘Fango, nel fango io sono’, dice il Cavaliere. Non sono nulla di più per te e cosa farai di me in futuro? Egli è ben consapevole che questa donna è per lui fonte di sventura, eppure continua a inseguirla. Per De Grieux l’amore è una promessa appassionata, da conservare nel cuore e non lasciare andare mai, fino alla morte”.

Interview Bonus: Jonas Kaufmann & Antonio Pappano

A new Manon Lescaut by Puccini