ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Euro 2012: in vendita l'ultima tranche di biglietti per i match in Ucraina

Lettura in corso:

Euro 2012: in vendita l'ultima tranche di biglietti per i match in Ucraina

Dimensioni di testo Aa Aa

All’Euro 2012 sono attesi circa 800 mila spettatori. Non tutti pero’ avranno in tasca un biglietto per assistere alle partite. I prezzi variano dai 30 ai 600 Euro. La media è all’incirca di 100 Euro a biglietto.

Markiyan Lubkivsky, capo del Comitato organizzatore ucraino precisa:

“I biglietti non sono cari. Abbiamo attuato una politica dei prezzi molto attenta, decisa dopo una serie di ricerche di mercato e numerose consultazioni. Il tifoso pagherà meno che all’Euro 2008. L’ucraino medio non dovrebbe avere problemi e potrà assistere facilmente a quest’evento che si svolge nel suo paese solo ogni 50 o 100 anni”

Gli organizzatori di Euro 2012 hanno deciso di mettere di nuovo sul mercato a inizio maggio i biglietti rimasti inveduti.
M.Lubkivsky si vuole rassicurante:

“Non sono tanti i biglietti rimasti invenduti. Per il pagamento c’era una data limite stabilita dall’UEFA. Alcuni biglietti non hanno trovato acquirente e sono tornati indietro ma questi biglietti rappresentano solo una minima parte del totale. Su 1 milione e 450 mila tagliandi solo 50 mila circa. Una cifra che certo non crea preoccupazione”

Chi ha rinunciato a confermare il pagamento dei biglietti spesso lo ha fatto a causa dei prezzi molto elevati degli alberghi in Ucraina. Prezzi che sono aumentati ancora e di molto in vista dell’Euro. Per una stanza standard in un hotel 4 stelle si puo’ arrivare a spendere anche 400 Euro.

Esistono pero’ anche sistemazioni (relativamente) piu’ economiche. Chi ha un budget piu’ ristretto esistono degli ostelli e dei dormitori rinnovati di recente all’interno dei campus universitari. Il problema è che spesso per queste sistemazioni vengono richieste 3 notti minimo di permanenza. I l costo totale puo’ quindi lievitare fino a 300 Euro anche se la sistemazione non è certo extra-lusso.

Ora che l’inizio della fase a gironi è ormai alle portei prezzi hanno cominciato comunque ad abbassarsi un po’.

L’ambasciatore francese Alain Remy si prepara ad assistere al match di esordio che la sua Nazionale disputerà a Donetsk. In questi mesi ha visto i problemi che gli organizzatori hanno incontrato sulla loro strada:

“Le autorità ucraine hanno cercato di venire incontro alle attese dei tifosi e degli appassionati che arriveranno a Kiev e nelle altre città. La preparazione è durata diversi mesi e per questo paese si è trattato di un’esperienza nuova, inedita”

La nazionale di Laurent Blanc esordirà all’Euro il 10 giugno affrontando l’Inghilterra.

“Vorrei ricordarvi – spiega l’ambasciatore – che la squadra francese è una delle due squadre che partecipano all’Euro ad aver scelto volontariamente di restare in Ucraina per tutta la durata della competizione. Di recente mi sono recato personalmente a Donetsk dove ho potuto visitare la struttura sportiva che ospiterà i Bleues. Sono impianti di eccellenza solitamente utilizzati dallo Shaktar Donetsk ottimamente collegati con il centro città.”

Nonostante le rassicurazioni fornite dai gestori dell’impianto, prima che inizino le sfide vanno apportate alcuni aggiustamenti: è soprattutto il campo da gioco a preoccupare iresponsabili Uefa. L’erba non risponde ancora agli standard regolamentari.

Manca meno di un mese al fischio d’inizio di Euro 2012. Gli addetti compiono gli ultimi ritocchi alle strutture sportive che, come sperano gli organizzatori, sono destinate a registrare il tutto esaurito. Neanche un seggiolino dovrà restare vuoto