ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tra Tobin Tax e austerità, le ricette della crisi

Lettura in corso:

Tra Tobin Tax e austerità, le ricette della crisi

Dimensioni di testo Aa Aa

Una nuova rivolta in Europa, stavolta in Romania, contro le misure d’austerità.

Con un tasso di disoccupazione al dieci per cento, i leader europei si trovano stretti fra un elettorato furibondo e mercati finanziari volubili, in balia di spietate agenzie di rating.

I recenti declassamenti del rating, incluso quello della Francia, hanno aggravato ulteriormente una crisi già complicata dai zoppicanti colloqui sul finanziamento del debito greco.

L’Unione europea sta lottando per aumentare le sue riserve finanziarie di salvataggio e attuare le riforme per scongiurare una nuova crisi. I leader europei, che non concordano su quanto la stabilità europea debba pesare sui paesi afflitti dal deficit, puntano a una riforma dei servizi finanziari che includa una tassa sulle transazioni. Riforma che però, secondo alcuni, rischia di allontanare gli investitori dall’Europa, soprattutto il cuore finanziario di Londra, ma dopo che la City è stata travolta, l’anno scorso, dalla furia dei manifestanti, anche il governo conservatore sta prendendo in considerazione una riforma del sistema bancario.

Abbiamo a The Network l’eurodeputato conservatore tedesco Markus Ferber, membro della Commissione degli affari economici e monetari.

Da Londra Louise Cooper, analista dei mercati presso Bgc Partners, convinta che non sarà la fiscal compact voluta dai leader europei a risolvere la crisi.

E Dominique Plihon, professore d’economia a Parigi e membro di Attac, l’Associazione per la tassazione delle transazioni finanziarie e per l’Aiuto ai cittadini. È favorevole alla Tobin Tax sulle transazioni finanziarie.