Il powerlifting che cambia la vita

Il powerlifting che cambia la vita
Diritti d'autore  euronews   -   Credit: Dubai
Di Gorkem Sifael

Marco Cipolat  è un powerlifter e il cofondatore del Desert Barbell di Dubai, il più grande club di powerlifting del Medio Oriente per numero di sollevatori iscritti e in gara in un club.

È cresciuto in Sudafrica, praticando diversi sport. "Mia madre era la sportiva della famiglia. A ogni gara di nuoto, ogni volta che la mia testa usciva dall'acqua, potevo sentirla gridare tra la folla", ricorda.

Dopo aver terminato gli studi in gestione finanziaria, Marco ha iniziato a lavorare nel settore degli eventi e si è trasferito a Dubai con l'ambizione di vivere e lavorare in un ambiente più vario e competitivo. "Ero molto concentrato sulla mia carriera e ho notato che il mio peso corporeo ha iniziato a salire, non ero attivo come avrei voluto, la mia dieta era pessima e ho pensato: 'No, non può andare avanti così, devo cambiare qualcosa'", racconta.

Marco ha iniziato ad andare in palestra con uno dei suoi colleghi, che gli ha parlato del powerlifting. Lì hanno incontrato Patrik Hedqvist. "È stato il primo powerlifter meritevole di essere chiamato tale che abbiamo incontrato. Gareggia per la squadra svedese, è stato campione del mondo", spiega.

Patrik ha iniziato ad allenare Marco, che si è poi innamorato del powerlifting man mano che imparava a conoscere meglio questo sport. I due hanno iniziato a parlare di spazi di aggregazione per gli atleti di forza di Dubai e una visita al club dove Patrik si allenava in Svezia li ha ispirati. Tornati a Dubai hanno aperto il Desert Barbell Sports Club.

Gli atleti di powerlifting gareggiano tentando tre tipi di sollevamenti in sequenza: squat, bench press e deadlift. Guidati da Patrik, sette allenatori del Desert Barbell aiutano oltre 120 membri a praticare diverse forme di allenamento della forza, tra cui questi tre tipi di sollevamento. "Una cosa molto interessante che siamo riusciti a fare è stata quella di avvicinare persone che fino a qualche anno fa non avevano idea di cosa fosse il powerlifting", dice Patrik.

Diciotto di questi membri rappresenteranno gli Emirati Arabi Uniti ai campionati asiatici di powerlifting che si terranno quest'anno a Dubai, e Marco è uno di loro. "Quando il capo del comitato per il powerlifting ti chiede se vuoi rappresentare gli Emirati, cosa fai?". Davanti a un privilegio del genere Marco non ha potuto dire di no.

"Mio padre soffre di osteoartrite e un paio di anni fa mi ha detto che avrebbe voluto fare qualcosa per cambiare la sua situazione", racconta Marco. "L'allenamento della forza lo avrebbe aiutato molto perchè contrasta il processo di invecchiamento mantenendo la densità muscolare e ossea: se riesco a trasmettere questo messaggio e a cambiare la vita di una persona tra 20 anni, ho fatto il mio lavoro", ha continuato.