Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Brexit: un'incognita economica anche per i cieli d'europa

Brexit: un'incognita economica anche per i cieli d'europa
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Mancano poche settimane aalla data fissata per la Brexit. L’uscita della Gran Bretagna dall'UE potrebbe avere un forte impatto sulle imprese. Dalla terra ai cieli e non solo d’Europa. Le possibilità di un "no-deal" sono in aumento.

BREXIT: QUALE IMPATTO ?

Sono passati oltre tre anni dallo storico referendum in Gran Bretagna sulla Brexit. Un voto che da una parte ha un po’ scosso il mondo intero. Tanto che a una settimana dal risultato, le borse europee hanno bruciato in un solo giorno 174 miliardi di euro. Il venerdì nero dell’economia. Ma il distacco dal blocco non è una sfida semplice. L’uscita dalla UE è stata ritardata due volte. Con tanto di dimissioni eccellenti a livello politico, polemiche e dibattiti che stanno danneggiando la fiducia degli investitori nella quinta economia più grande del mondo.

C'è chi tra il popolo si aspetta il caos totale e chiede di andare al voto. Intanto il premier Boris Johnson punta il dito contro il Parlamento. I deputati, sotto la leadership di Theresa May hanno bocciato tre volte l’accordo trovato dal precedente governo e l’Unione Europea. Restano i nodi doganali che potrebbero tagliare fuori l’Irlanda del Nord dal Regno Unito. Come sottolinea il primo ministro irlandese Leo Varadkar in assenza di accordi alternativi, nessun backstop può essere un affare per noi. "Tutto quello che si sta facendo è rimandare e rimandare ancora per mesi. Un altro anno di incertezza per gli affari, per il business di chi vive a sud e a nord del confine. Non è un’opzione conveniente per nessuno."

LA DISPUTA POLITICA

Intanto il premier Johnson ha perso la maggioranza del suo partito. La paura riguarda l’impatto economico senza precedenti. Stando agli analisti i leader dei grandi aziende in tutto il Paese hanno fatto sapere che le loro succursali non solo avranno dei danni ma potrebbero anche restare paralizzate, se non chiuse. Molte grandi aziende dipendono dall’accesso al mercato unico europeo. Lo spettro di una grave recessione è forte. Tanto per gli imprenditori quanto per i lavoratori del Regno Unito. Intanto l’assegno di disoccupazione è tra i più bassi degli ultimi 40 anni. Il futuro della Brexit è incerto più che mai. Il Regno Unito si trova in quella, che molti hanno chiamato la “tempesta perfetta”. Il riferimento è ancora una volta al Referendum del 2016 e alla crisi globale.

ECONOMIA DEI CIELI. IL CASO BRITISH AIRWAYS

In questo contesto c’è un settore in costante crescita. E’ quello dell’industria aeronautica. I numeri positivi crescono di anno in anno. Diventa sempre più difficile destreggiarsi in una concorrenza globale spietata, una sfida aperta anche per la British Airways.

La compagnia punta su uno dei veivoli più competitivi al mondo e su una delle rotte più frequentate: l'Airbus A-350 che opera tra Londra e Dubai. Duncan Robertson, Responsabile Sviluppo Prodotto BA ci spiega che sono molto onorati di poter fare questa tratta perchè questo, per noi, è un mercato importante. Avrete modo di vedere la nuovissima business class. Viaggerete in una postazione extra lusso, ogni postazione avrà biancheria, un letto luxury. Il nostro investimento riguarda anche il catering e, naturalmente, il nostro esclusivo servizio di equipaggio di cabina British Airways".

Secondo la compagnia aerea, l’Airbus è super innovativo e molto green. Riduzione delle emissioni di Co2, maggiore privacy, livelli di comfort elevati. Il tutto è parte di un programma di investimenti di circa 7 miliardi di euro. Per la British Airways è stato un anno po’ turbolento. Il prezzo delle sue azioni è sceso di quasi il 40% dal gennaio del 2018. A complicare la situazione lo stato di agitazione del personale, con scioperi dei piloti che a settembre hanno portato alla cancellazione di oltre 1700 voli. Ora la compagnia punta tutto sul nuovo A350. "Volevamo avere un servizio speciale in volo, in modo che i nostri clienti potessero godersi il loro viaggio, divertirsi", prosegue Duncan Robertson . Abbiamo usato una specie di intelligenza artificiale, che è quello che i clienti chiedevano. Volevamo avere qualcosa di differente. Abbiamo fornito ai clienti il 40% in più di stivaggio. Tutto a norma sia per decollo e atterraggio. E poi c’è anche la possibilità di portare qualche accessorio in più sull’aereo. Infine abbiamo puntato sulla privacy, una delle esigenze principali dei nostri clienti.”

COMPETITIVITA' E FIDELIZZAZIONE

In un mercato così competitivo, la British Airways ha dovuto studiare e mettere a punto nuove strategie di volo e di marketing. Posti molto spaziosi, con un'angolazione di circa 30 gradi, materiali di alta qualità, e attenzione ai dettagli. Sfruttare al meglio ogni comfort: un punto chiave per i clienti e la compagnia stessa. Per fidelizzare i passeggeri in un momento delicato. “I nostri clienti vengono da noi per diversi motivi. Ciascuno deciderà qual è il fattore decisivo per loro. Ma siamo noi a dover essere competitivi sul mercato e dobbiamo offrire un prezzo competitivo con un prodotto competitivo sul mercato in cui operiamo", prosegue Duncan Robertson.

Un approccio nuovo che potrebbe rendere ancora più rilevante una delle compagnie aeree più famose e non solo in Gran Bretagna