This content is not available in your region

"Basta con il confronto, ora serve il dialogo": questo l'invito dell'Europa a Spagna e Catalogna

Access to the comments Commenti
Di Euronews
"Basta con il confronto, ora serve il dialogo": questo l'invito dell'Europa a Spagna e Catalogna

<p>La crisi in Catalogna si avvia verso un bivio decisivo. Dagli eurodeputati mercoledì è arrivato un appello al dialogo, a seguito del referendum organizzato illegalmente domenica e nel quale si sono verificati violenti scontri tra la polizia spagnola ed i civili. ll vicepresidente della Commissione europea ha difeso la reazione di Madrid e ha invitato a lavorare insieme. “E’ il dovere di ogni governo mantenere lo stato di diritto – ha affermato Frans Timmermans – e questo richiede talvolta l’uso proporzionato della forza. L’Unione europea invita tutte le parti coinvolte a passare velocemente dal confronto al dialogo”.<br /> Per l’esecutivo europeo,pero’, la questione resta un affare interno spagnolo. Tuttavia, molti eurpodeputati ritengono pericolosa una evenutale dichiarazione unilaterale di indipendenza da parte delle autorità catalane.<br /> “Sarebbe un grande errore dal mio punto di vista – spiega l’eurodeputato verde Ernest Urtasun – in quanto potrebbe comportare una repressione ancora più grande da parte del governo spagnolo. Questa è una situazione molto delicata, non si tratta di un problema solo spagnolo , è un problema europeo e c‘è bisogno di un intervento della Commissione “.<br /> Sia da centrodestra che dal centrosinistra è forte l’appoggio al governo spagnolo, sebbene sia stato criticato l’uso della forza. “In quanto catalano riconosco che i vari governi in alcuni momenti non hanno dimostrato la sensibilità che noi catalani avremmo voluto”, ammette Santiago Fisas, del partito popolare europeo. “Ma la soluzione non è la rottura: è il dialogo, che naturalmente deve avvenire sempre nella legalità”.<br /> Davanti alle richieste delle istituzioni europee il dialogo sembra una scelta inevitabile per Barcellona ma anche per Madrid, che rischia altrimenti di perdere l’appoggio di Bruxelles.</p>