Germania, sulla via della marijuana legale

Access to the comments Commenti
Di euronews
Germania, sulla via della marijuana legale
Diritti d'autore  Pexels

Si chiama Demecan, ed in Germania è una tra le prime società ad avviare la produzione di marijuana per scopi medicali. Insieme ad altre due compagnie infatti, ha ottenuto le licenze governative per la coltivazione legale della cannabis. Dalle piante verranno estratti i principi attivi da reimpiegare in seguito nelle produzioni officinali.

Constantin von der Groeben, amministratore delegato della start-up, prevede una produzione annua di una tonnellata di polvere di cannabis essiccata.

I derivati della cannabis per uso medicale sono stati legalizzati in Germania nel 2016, ed oggi il nuovo governo ha annunciato un passo ulteriore, verso la legalizzazione del consumo di marijuana anche per scopi ricreativi, in appositi luoghi autorizzati.

Per la nuova legge non c'è ancora un calendario definito, ma secondo molti i tempi per una regolamentazione non proibizionista sono maturi, e i produttori si preparano ad un futuro allargamento del mercato legale.

Finn Haensel, co-fondatore di SanityGroup, è ottimista: "Ci saranno più aziende. Ci sarà un'intera industria, dalla regolamentazione, alla distribuzione, alla logistica. Mi attendo davvero un boom, che creerà nuovi posti di lavoro, e nuove entrate fiscali per il paese. Penso davvero che possa essere un bene per il mercato perfino la competizione tra noi produttori".

I contrari alla riforma puntano il dito sul rischio di avvicinare le sostanze oggi illegali ai più giovani, ma questa critica non tiene conto che sul mercato illecito la cannabis è tra le sostanze più facili da reperire.

Scettici si dicono anche alcuni sindacati di polizia. Joerg Radek avanza dei dubbi sulla praticabilità dell'antiproibizionismo perché, dice, "potrebbe portare a un sovraccarico di lavoro" per gli agenti.

Finora, nonostante sia ampiamente tollerata e diffusa, la cannabis non è pienamente legale in nessuno dei paesi europei, con la sola eccezione di Malta, che alla fine del 2021 ha approvato una legge che ne permette l'assunzione agli adulti anche per scopi ricreativi.