This content is not available in your region

Turchia, il lago di Van diventato cimitero dei migranti che tentano la traversata

Access to the comments Commenti
Di euronews
Turchia, il lago di Van diventato cimitero dei migranti che tentano la traversata
Diritti d'autore  DHA/DHA   -  

Un cimitero improvvisato, per tombe senza nome. Sta sorgendo a Van, in Turchia, dove continuano a essere recuperate le vittime del naufragio di un battello sul lago avvenuto alla fine di giugno. La barca con 20 posti aveva a bordo almeno 60 migranti, quasi tutti pakistani e afghani provenienti dal vicino Iran.

Il lago di Van è attraversato da flussi di migranti e richiedenti asilo che scappano da conflitti e violenze che da decenni insanguinano la regione.

Abbas Khasimi ha lasciato l'Afghanistan con la famiglia. "Con i trafficanti avevamo concordato il viaggio fino in Grecia, ma abbiamo deciso di aspettare qui, per proteggere mia moglie e i miei figli, perché il viaggio fin qui è stato troppo pericoloso. Però vedremo sempre di arrivare in Europa".

Sulle sponde del lago di Van il flusso di migranti è così nutrito da aver generato vere e proprie reti di contrabbandieri già attivi sui due lati del confine che sfruttano le migrazioni per fini economici.

Il lago di Van è il più grande specchio d'acqua interno alla Turchia nell'est del Paese. I migranti lo attraversano per non incappare nei checkpoint sulle sue sponde.