ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

UE- Giappone: libero scambio e molto altro

Lettura in corso:

UE- Giappone: libero scambio e molto altro

UE- Giappone: libero scambio e molto altro
Dimensioni di testo Aa Aa

Non solo libero scambio: con l'accordo firmato martedi a Tokyo, UE e Giappone aprono una zona commerciale che copre oltre 600 milioni di persone e quasi un terzo del PIL globale. Ma oltre a eliminare i dazi sulle esportazioni, i due partner mandano un potente messaggio contro il protezionismo del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.

"L'impatto dell'accordo oggi va ben oltre le nostre sponde - ha affermato Jean-Claude Juncker, Presidente della Commissione europea-. Firmando questo accordo insieme stiamo facendo una dichiarazione sul futuro del commercio libero ed equo. Stiamo dimostrando che siamo più forti e migliori quando lavoriamo insieme e stiamo dando l'esempio, dimostrando che il commercio è più che tariffe e barriere: si tratta di valori ".

L'accordo, il piu grande finora negoziato dell'Unione europea, dovrebbe dare un impulso alle esportazioni europee in Giappone, aumentando il transito di alimenti lavorati, di sostanze chimiche e di macchinari elettrici.

Oltre al commercio, le parti hanno anche riveduto l'accordo di partenariato strategico politico per una migliore cooperazione nella lotta agli attacchi informatici, al terrorismo, ai cambiamenti climatici e alle sfide geopolitiche.

L'avvicinamento di Bruxelles a Tokyo mira a compensare l'instabilità geopolitica creata dal loro alleato tradizionale, gli Stati Uniti.

Fraser Cameron, direttore del Centro UE-Asia, rivela che "In Giappone ci sono preoccupazioni circa l'affidabilità del presidente americano e quindi sia i giapponesi che gli altri asiatici guardano all'Unione europea come un baluardo di stabilità nel sistema internazionale. L'UE ha molto da offrire in termini di sicurezza, e di esperienza, dal momento che si occupa di controversie nelle aree marittime, di risoluzione dei conflitti e persino di sicurezza cibernetica. In termini di ciò che chiamiamo soft security, l'UE e il Giappone hanno un' agenda ambiziosa da portare avanti insieme ".

I due partner hanno inoltre deciso di riconoscere come equivalenti i reciproci sistemi protezione dei dati personali Ciò consentirà ai dati di fluire in sicurezza tra l'UE e il Giappone, creando la più vasta area al mondo di flussi di dati al sicuro.