ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Conte ottiene la fiducia al senato

Lettura in corso:

Conte ottiene la fiducia al senato

Conte ottiene la fiducia al senato
Dimensioni di testo Aa Aa

Giuseppe Conte ha ottenuto la fiducia al senato con 171 sì, 117 i no, 25 astenuti. Domani sarà la volta della Camera.

È l'immagine plastica di un nuovo blocco che nasce quella del tabellone del senato della Repubblica acceso su una maggioranza forte, quella giallo-verde cio`è i senatori di M5s e Lega.

Un mese fa non ci avrei mai creduto

Giuseppe Conte Presidente del Consiglio italiano

Astenuti o assenti tutti i senatori a vita.

Tra questi la senatrice a vita Liliana Segre che si è astenuta dopo aver replicato al discorso del presidente del Consiglio impartendo una lezioni di vita a tutti "Mi rifiuto di pensare che la nostra civilità democratica sia sporcata da leggi speciali nei confronti di Rom e Sinti, se accadrà mi opporrò con tutte le forze", ha detto ricordato di essere una sopravvisuta di Auschwitz.

Il senatore a vita Mario Monti, prendendo la parola in aula, ha fatto gli auguri al governo e poi ha consigliato all'esecutivo di mostrare "più umilta e realismo" nei confronti del Paese, altrimenti rischia di fargli subire "l'umiliazione della Troika".

Da parte dell'opposizione nelle repliche è intervenuto anche Matteo Renzi, (PD) che siede in parlamento per la prima volta. Ha detto che il Pd non farà sconti alla nuova maggioranza. "Altro che Terza Repubblica, continua la Prima (...) siete il potere, siete l'establishment. E non avete più alibi rispetto a ciò che c'è da fare. Noi non vi faremo sconti".

Sempre per conto dell'opposizione ha parlato la capogruppo di Forza Italia Annamaria Bernini annunciando il suo no a un "Programma Alrecchino". Il governo Conte, ha detto Bernini, "è la maschera di contraddizioni". La senatrice ha criticato la lacunosità del discorso programmatico per esempio, ha affermato, "Sull'Ilva che farete? Domani dialoghiamo con Arcelormittal o la trasformiamo in campi fioriti?".

No alla fiducia anche da parte di Fratelli d'Italia anche se pochi giorni fa erano in trattativa per entrare nel governo. Il senatore Ignazio La Russa ha detto "Non votiamo la fiducia perché non possiamo fidarci solo degli annunci".