ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

2 giugno, Premier Conte: "festa di tutti noi italiani"

Lettura in corso:

2 giugno, Premier Conte: "festa di tutti noi italiani"

2 giugno, Premier Conte: "festa di tutti noi italiani"
Dimensioni di testo Aa Aa

Prima uscita pubblica per il neo presidente del consiglio italiano Giuseppe Conte, alle celebrazioni per la Festa della Repubblica.

Il 2 Giugno "è la festa di noi tutti, tanti auguri a tutti", ha dichiarato il neo premier ai cronisti che lo aspettavano sulla porta di casa. Conte è poi partito con la scorta alla volta delle celebrazioni per la festa della Repubblica. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ha aperto le celebrazioni all'altare della patria, con la deposizione di una corona di alloro sulla tomba del milite ignoto.

Bagno di folla all'altare della Patria: "Ricordati dei giovani, hanno dichiarato alcuni dei presenti.

Alle celebrazioni presenti anche la neoministra della Difesa Elisabetta Trenta, Matteo Salvini, nuovo responsabile del Viminale, che appena arrivato, ¨è tornato sul suo cavallo di battaglia elettorale, i migranti: "Domani vado in Sicilia, è la nostra frontiera. Voglio migliorare gli accordi con i Paesi da cui arrivano migliaia di disperati per il bene nostro e loro!". Da lontano arriva invece il messaggio durissimo di Silvio Berlusconi: "O noi o loro", dice in un videomessaggio.

Il Capo dello Stato Mattarella ha salutato ai piedi del Vittoriano Giuseppe Conte e le autorità presenti con una stretta di mano. Subito dopo ha salutato le autorità militari. Salutato da applausi era arrivato a piedi anche il presidente della Camera, Roberto Fico, che ha stretto la mano a Conte, dandogli anche un'affettuosa pacca sulla spalla. Ad accogliere Mattarella anche la presidente del Senato, Maria Elisabetta Casellati. Presenta che la sindaca di Roma, Virginia Raggi.

"Celebriamo oggi il 72° anniversario della nascita della Repubblica", ha sottolineato Mattarella nel suo messaggio al capo di Stato maggiore della Difesa, il generale Claudio Graziano. Da quel 2 giugno 1946, in cui si espressero i cittadini italiani, abbiamo vissuto anni intensi verso una profonda coesione del popolo italiano, in un cammino ispirato dalla nostra Carta Costituzionale. Valori di libertà, giustizia, uguaglianza fra gli uomini e rispetto dei diritti di tutti e di ciascuno sono il fondamento della nostra società ed i pilastri su cui poggia la costruzione dell'Europa".