ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Olimpiadi 2018: le emozioni dei nostri atleti

Dal cuore della stazione sciistica di Alpensia in Corea del Sud dunque un pensiero va a domani venerdi' 9 febbraio alla cerimonia di apertura

Lettura in corso:

Olimpiadi 2018: le emozioni dei nostri atleti

Dimensioni di testo Aa Aa

A soli due giorni dal via alle Olimpiadi, il ritiro nazionale per antonomasia è stata la Casa Italiana, sede della delegazione azzurra alle Olimpiadi Invernali alla cui inaugurazione erano presenti ben 61 membri del Comitato Internazionale delle Olimpiadi (Cio):nomi autorevoli e teste coronate erano presenti alla festa tra cui spiccano quelli del Principe Alberto di Monaco, Nora di Liechtenstein e del Granduca di Lussemburgo ma anche di tre vicepresidenti del Cio (la svedese Gunila Lindberg, lo spagnolo Juanito Samaranch e il turco Ugur Erdener) oltre che della moglie del Presidente Thomas Bach.

Luca Lanotte: (danzatore sul ghiaccio in coppia con Anna Cappellini): "Vorremmo far vedere le migliori versioni di noi stessi,  quello su cui abbiamo lavorato per tutto questo anno passato".

Sofia Goggia (sciatrice alpina): "Voglio solo stare bene e rimettermi fisicamente"

Federica Brignone: "Ho paura di non riuscire a essere me stessa e lasciarmi condizionare da tutto cio' che sta intorno all'olimpiade."

Dal cuore della stazione sciistica di Alpensia in Corea del Sud dunque un pensiero va a domani venerdi' 9 febbraio alla cerimonia di apertura che potrebbe svolgersi addirittura a meno 20 °C.