ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Quali sono i partiti e i candidati alle elezioni in Catalogna del 21/12?

Lettura in corso:

Quali sono i partiti e i candidati alle elezioni in Catalogna del 21/12?

© Copyright :
REUTERS/Albert Gea/File Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo mesi di tensioni crescenti tra il governo spagnolo e l'esecutivo della Catalogna, concluse con il commissariamento del Govern, l'applicazione dell'articolo 155 della costituzione, il carcere per il vicepresidente Junqueras e sette ex ministri catalani e il viaggio in esilio di Puigdemont, il prossimo 21 dicembre la spinta autonomista della regione torna sotto i riflettori internazionali.  

A Barcellona e dintorni si torna infatti alle urne. Non più per il referendum ma per eleggere la nuova classe dirigente - come voluto da Rajoy. 

Questa volta, a differenza di quanto accaduto il 1 ottobre, i partiti contrari all'autodeterminazione catalana stanno facendo una vivace campagna elettorale. Ma chi potrà essere il prossimo presidente della Generalitat? Come le sue promesse potranno influenzare la crisi politica con Madrid? Andiamo con ordine.

I candidati: indipendentisti contro unionisti

Oriol Junqueras o Marta Rovira, candidati di Esquerra Republicana (ERC)

Tàndem d'Esquerra #CN2013

Oriol Junqueras, numero uno della lista ERC ed ex vicepresidente della Catalogna, in carcere dal 2 novembre scorso, ha inviato una lettera dalla prigione in cui ha segnalato Marta Rovira, segretario generale del partito, quale successore e candidata alla presidenza della Generalitat.

"E' giunto il momento che ci sia una donna in prima linea, in questo paese. Una donna che non si arrende mai, con una determinazione e una convinzione senza pari, sensata e audace allo stesso tempo, testarda e ostinata ma anche dialogante e capace di scendere a patti. Ognuno al suo fianco, non la lasceremo mai sola. La repubblica è di genere femminile", ha scritto Junqueras nel testo indirizzato ai militanti del CER.

Rovira ha iniziato la campagna elettorale con la polemica scatenata dalle sue dichiarazioni sulle presunte minacce del governo spagnolo per fermare il processo di indipendenza.

"Il governo spagnolo ci ha fatto capire, in molte maniere e attraverso molteplici, che se continuassimo su questa strada, ci sarebbero state scene di violenza estrema", ha detto in un' intervista alla radio Rac1.

Junqueras è apparso di sua iniziativa davanti al tribunale supremo per chiedere il rilascio così da poter partecipare attivamente alla campagna elettorale, ma il giudice Llarena ha ravvisato un alto rischio di reiterazione del reato. Tutto indica che dovrà difendere le sue posizioni e la sua candidatura da una cella del penitenziario di Estremera, Madrid.

Rovira è un po' ai margini della vicenda giudiziaria, non avendo partecipato al processo decisionale esecutivo sul referendum. Tuttavia, un'indagine della Guardia Civil la segnala in una relazione come responsabile dei preparativi pre-voto.

ERC ha inoltre incluso nelle liste elettorali tutti gli ex ministri finiti in manette o in "esilio" in Belgio assieme a Puigdemont.  

Libero su cauzione l'ex ministro per gli Affari internazionali Raül Romeva, il ministro della Giustizia Carles Mundó e il responsabile del Lavoro, Dolors Bassa sono, rispettivamente, al terzo, quinto e primo posto nella lista di Girona.

Da Bruxelles, l'ex ministro della Sanità Toni Comín, in settima posizione, e la collega dell'Agricoltura Meritxell Serret, in qualità di leader della lista di Lleida.

Il Presidente del Parlamento, Carme Forcadell, figura anch'essa nella lista ERC per Barcellona. Forcadell è stato liberata su cauzione dopo aver pagato 150mila euro. 

Cosa promette

Rovira è a favore di un governo di coalizione dei partiti favorevoli all'indipendenza, tra cui quindi: PDeCAT (quello di Puigdemont), CUP (l'ala oltranzista a sinistra) e Catalunya En Comú. "Non chiederemo il permesso di instaurare una repubblica", ha detto in un'intervista con Catalunya Ràdio, chiarendo però che tutto dipenderà da "quanto sarà forte il mandato democratico".

Inés Arrimadas, candidata de Ciudadanos

Catalonia Independence Investiture Debate

Arrimadas si ripete a capo della lista elettorale di Ciudadanos. E' stata candidata per la prima volta alla Presidenza della Catalogna nel 2015, diventando leader dell'opposizione dopo che il partito liberale Ciudadanos è stato il secondo più votato.

Cosa promette 

La sua è una delle principali voci dell'unionismo. Paragona l'indipendentismo catalano al populismo della francese Marine Le Pen e accusa il governo destituito di voler distruggere l'Unione europea. La sua proposta principale è quella di porre fine a tutto il "processo".

Miquel Iceta, candidato del Partido Socialista de Cataluña (PSC)

Miquel Iceta

Il leader dei socialisti catalani è anch'egli in corsa per la seconda volta come candidato alla presidenza della Generalitat. Il suo partito è finito terzo dopo ERC e Ciudadanos nelle ultime elezioni in Catalogna.

Cosa promette

Iceta, come Arrimadas, si è pronunciato spesso contro l'indipendenza. Ha inoltre espresso la sua volontà di raggiungere dei patti post-elettorali. "Per quanto mi riguarda, le elezioni non si dovranno ripetere", ha assicurato. Il candidato socialista sta concentrando la campagna elettorale sul recupero della convivenza sociale dopo la "frattura" della dichiarazione unilaterale di indipendenza.

Carles Puigdemont, candidato di Junts per Catalunya (JxCAT)

Carles Puigdemont. Foto: ACN.

Non poteva mancare lui, naturalmente. Il volto per eccellenza della sfida indipendentista. 

Il Consiglio nazionale del Partit Demòcrata Europeu Català (PDeCAT) ha annunciato che Carles Puigdemont sarebbe stata candidata alle elezioni regionali prima di essere annunciata da Bruxelles.

L' ex presidente non ha mai resistito alle urne come candidato a capo dell' esecutivo catalano, dal momento che è entrato in carica nel 2016 grazie ad un accordo post-elettorale con il CUP. Ha poi annunciato che non si sarebbe candidata alle prossime elezioni perché non aveva alcuna "vocazione" come candidato e che la sua "commissione" si sarebbe conclusa con il passaggio alla "preindipendenza".

Quasi un anno dopo, Puigdemont decise di accettare l'invito del suo partito e di stilare una lista con il nuovo nome Junts Per Catalunya (JxCAT), con pochi membri PDeCAT e un gran numero di indipendenti.

Il numero 2 è Jordi Sànchez, presidente dell' ANC, in prigione senza cauzione da ottobre, accusato di sedizione. È seguito dagli ex consiglieri Clara Posantí in Belgio, Jordi Turull su cauzione e Joaquim Forn in prigione incondizionata.

Puigdemont ha lanciato la sua campagna dal Belgio, dove è attualmente in libertà vigilata. Il giudice della corte suprema di Giustizia, Pablo Llarena, ha ritirato i mandati d'arresto europei nei confronti di Puigdemont e dei quattro "exconsellers". Si preannuncia una campagna elettorale senza precedenti coordinata dall'estero.

Cosa promette

La sua proposta principale consiste, naturalmente, nel porre fine al mandato dell'articolo 155 e ristabilire il governo destituito.

Xavier Domènech, candidato di Catalogna en Comú (Podemos, Barcellona en Comú, Esquerra Unida, Iniciativa per Catalogna)

Domènech è il candidato di Pablo Iglesias. La sua lista riunisce i membri di Podemos, Barcelona En Comú, Esquerra Unida e Iniciativa per Catalunya.

Catalunya En Comú si è rifiutata di partecipare alla lista unita di partiti indipendentisti, ma alcuni sondaggi indicano che sarà fondamentale nei patti post-elettorali.

Cosa promette

Domènech promette di promuovere una "legge sulla chiarezza" che stabilirà gli standard per un futuro referendum sull'indipendenza concordato con il governo spagnolo.

Xavier García Albiol, l'uomo del PP (Partido Popular)

Xavier Garcia Albiol

Il leader dei popolari catalani si presenta come il candidato di Mariano Rajoy per la Generalitat nelle elezioni del 21D. Logicamente, egli è il principale difensore della posizione del governo spagnolo e dell'applicazione dell'articolo 155 del trattato.

Cosa promette

Albiol ha dichiarato che avrebbe preferito che le elezioni si fossero tenute in un secondo momento, in modo che il governo spagnolo potesse intervenire su questioni quali l'istruzione e i media pubblici catalani. "In queste elezioni ci stiamo presentando con la nostra principale garanzia: l'applicazione di 155", ha detto.

Carles Riera di Candidatura d'Unitat Popular (CUP)

Il deputato Carles Riera è il capolista degli indipendentisti della CUP. Riera aveva definito l'applicazione dell'articolo 155 come un "colpo di stato in Catalogna" e denunciato "la violenza" praticata dallo Stato spagnolo "nella battaglia democratica per la repubblica catalana".

Cosa promette

Riera propone la secessione dello "Stato di Catalogna" e di consolidare "una repubblica sociale per le maggioranze".

Questa la distribuzione dei seggi nel parlamento catalano prima dell'applicazione dell'articolo 155 e della convocazione delle elezioni