ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Modigliani alla Tate Modern

I nudi e le sculture dell'artista livornese in esposizione alla Tate Modern fino al 2 aprile; e con la realtà virtuale si può anche entrare nel suo studio...

Lettura in corso:

Modigliani alla Tate Modern

Dimensioni di testo Aa Aa

I volti stilizzati, i colli allungati, il tratto unico. Proprio a partire dai nudi femminili, la Tate Modern di Londra omaggia Amedeo Modigliani con oltre cento opere provenienti da prestigiose collezioni, tra cui il Philadelphia Museum of Art e il Metropolitan Museum of Art di New York. I curatori hanno voluto sottolineare il desiderio di sperimentazione che ha segnato la carriera dell’artista livornese: Nancy Ireson, curatrice della mostra: “Modigliani ha davvero spinto i limiti oltre e in un certo senso è stato perché si è collegato alla tradizione, ha reinventato la tradizione, ha dimostrato che le donne possono essere presentate come persone con la loro sensualità, con quella fisicità molto presente. Nei dipinti c‘è una vera tattilità della pennellata e i soggetti hanno il loro carattere, la loro personalità”.
La mostra parte dal periodo parigino dove Modigliani sbocciò guardando a Henri de Toulouse-Lautrec, poi Paul Cézanne e Picasso. In esposizione anche diverse sculture dell’artista livornese e il suo studio di Montparnasse che si può visitare muniti di occhiali tridimensionali in una sala speciale dedicata alla realtà virtuale.
La mostra è alla Tate Modern di Londra fino al 2 aprile.