This content is not available in your region

Turchia, altri 110 arresti tra i sostenitori di Gulen

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Turchia, altri 110 arresti tra i sostenitori di Gulen

<p>L’ulteriore giro di vite del presidente turco Erdogan ha azzerato la Kaynak Holding, grande azienda che si occupa di giornali, televisione, istruzione e turismo. Tra Istanbul, Ankara, Smirne, Bursa e in totale 24 province, venerdi la polizia ha effettuato l’arresto di 110 persone, manager e lavoratori della Kaynak, accusati di appartenenza ad organizzazioni terroristiche. </p> <p>L’azienda avrebbe avuto stretti contatti con Fetullah Gulen, il predicatore autoesiliatosi negli Stati Uniti considerato da Erdogan l’ispiratore del fallito colpo di stato del luglio 2016, costato la vita a 290 persone. <br /> In un’altra operazione, sono stati arrestati altri 38 ex dipendenti delle scuole di Gulen, ora chiuse. In manette anche il noto attivista Osman Kaval, co-fondatore della casa editrice Iletisim e presidente dell’associazione Anadolu Kultur.</p> <p>Dal golpe ad oggi, piu’ di 50mila persone sono state imprigionate, oltre 150mila sospese dal lavoro o addiritture sparite. Un centinaio di aziende, sequestrate dal governo, sono ora gestite da amministratori nominati da Erdogan.</p>