ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa: un uomo accoltella un agente all'aeroporto di Flint

Lettura in corso:

Usa: un uomo accoltella un agente all'aeroporto di Flint

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli Stati Uniti e il Canada hanno aperto un’inchiesta congiunta per terrorismo a carico dell’uomo che ha attraversato la frontiera canadese e all’aeroporto di Flint, in Michigan, ha colpito con un pugnale un agente dell’Fbi.

Secondo i primi elementi dell’indagine, il sospetto – interrogato dagli agenti – è un uomo di 49 anni che ha attraversato la frontiera del Québec lo scorso 16 giugno.

“Quel che sappiamo è che Amor Ftouhi è entrato nell’aeroporto, ha trascorso un certo periodo di tempo al primo livello, teneva con sé un bagaglio. È entrato poi nelle toilette dove è rimasto per un altro po’ di tempo, prima di lasciarvi il bagaglio ed uscire. Ha quindi sfoderato il coltello, ha gridato ‘Allahu Akbar’ e ha colpito il tenente Neville al collo” ha spiegato l’agente speciale dell’Fbi David Gelios.

L’agente sarebbe in condizioni stabili e, secondo l’Fbi, si dovrebbe rimettere in tempi relativamente rapidi. Il sospetto non ha rivendicato in maniera esplicita il suo gesto. Ha tuttavia evocato, durante l’interrogatorio, le stragi in Siria, Iraq e Afghanistan. L’inchiesta procede in tempi rapidi e una perquisizione è stata effettuata al presunto domicilio del sospetto a Montréal.