ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Ungheria: proteste contro la chiusura del quotidiano considerato voce critica verso Orban


Ungheria

Ungheria: proteste contro la chiusura del quotidiano considerato voce critica verso Orban

In Ungheria la chiusura di un giornale non avviene nell’indifferenza. Soprattutto se è considerata la voce critica più autorevole verso il governo Orban. Per questo almeno duemila persone sono scese in piazza a Budapest per difendere la libertà di stampa e per protestare contro la chiusura decisa senza alcun preavviso del quotidiano di sinistra Nepszabadsag.

“Ovunque in Europa c‘è bisogno di un giornale come questo – ha detto Andras Muranyi, caporedattore – ma ce n‘è bisogno soprattutto in Ungheria. Ed è per questo che sto negoziando con la proprietà, la società Mediaworks”.

L’editore ha sostenuto che la chiusura si è resa necessaria per le perdite. Una motivazione che non convince i manifestanti.

“Negli ultimi anni – ha sottolineato una ragazza – abbiamo assistito a molti attacchi contro la libertà di stampa e all’annientamento dei diversi media. Ma questa volta è davvero è troppo..”

“Penso che non possa accadere in nessun stato democratico – precisa un manifestante – quello di far sparire un giornale come questo da un giorno all’altro.”

La proprietà del quotidiano ha annunciato anche di aver intenzione di
riprendere le pubblicazioni dopo aver progettato un “nuovo modello economico”.
Ma tutta l’operazione resta dai contorni incerti.

“I giornalisti del quotidiano erano stati solo informati che avrebbero cambiato la sede della redazione. Ma ora non sanno nemmeno se potranno proseguire e in quali circostanze. Da Budapest Andrea Hajagos, euronews”.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

Prossimo Articolo

mondo

Bocciate al Consiglio di Sicurezza dell'Onu le due risoluzioni su Aleppo