ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Judo, GP Tashkent: festa uzbeca nella seconda giornata di gare

Seconda giornata positiva per i campioni di casa, al Grand Prix di Tashkent.

Lettura in corso:

Judo, GP Tashkent: festa uzbeca nella seconda giornata di gare

Dimensioni di testo Aa Aa

Seconda giornata positiva per i campioni di casa, al Grand Prix di Tashkent.

Pedro Lasuen, euronews: “Il pubblico uzbeco è sicuramente appassionato di judo. La seconda giornata del Grand Prix di Tashkent è stata un grande spettacolo per le persone presenti in tribuna. I judoka delle quattro categorie in lizza hanno percorso la strada dell’ippon, con mosse eseguite con classe e talento. Iniziamo con una selezione dei migliori ippon”.

Nessuna sorpresa nella categoria femminile -70kg, dove la padrona di casa Gulnoza Matniyazova si prende la medaglia d’oro. La numero 1 del tabellone si impone sulla slovena Anka Pogačnik, brava comunque a spingere l’uzbeca fino al golden score. Fatale il makikomi, dopo 1’23’‘, che le vale un waza-ari.

Un altro waza-ari determina la vincitrice, tra le donne -63kg. Si tratta di Daria Davydova. La judoka russa ha la meglio nell’atto conclusivo sulla croata Marijana Mišković Hasanbegović, testa di serie numero 1. Decisivo un uchi-mata, che permette alla Davydova di salire per la prima volta in carriera sul podio, nel circuito mondiale.

E’ un podio tutto uzbeco, invece, quello della categoria maschile -73kg. Mirzahid Farmonov sconfigge in finale il favorito Gyosjon Boboev, con un waza-ari dopo 44 secondi di golden score, assegnato per un uchi-mata sukashi. La tripletta di casa è completata da Muso Sobirov.

Ha solo 19 anni il trionfatore dell’ultima categoria in programma questo venerdi: quella degli uomini -81kg. Stiamo parlando del beniamino del pubblico Shakhzodbek Sabirov, che supera, per differenza di yuko, il più esperto giapponese Hayato Watanabe.

La sorpesa della giornata

La sorpresa della giornata è l’eliminazione dell’americana Hannah Martin, battuta per ippon dalla semi-sconosciuta uzbeca Mukhayyo Ibragimova.