ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Rio de Janeiro: lunghe code per i biglietti delle Olimpiadi, è caos

mondo

Rio de Janeiro: lunghe code per i biglietti delle Olimpiadi, è caos

Pubblicità

È caos a Rio de Janeiro con lunghe ore di attesa per i biglietti delle Olimpiadi. Per molti, la responsabilità non è del Brasile o degli organizzatori ma della società Cosport che vende in esclusiva i tagliandi dei Giochi Olimpici di Rio in diversi Paesi tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Australia, Canada e Russia.

“Abbiamo aspettato per tre ore, tre ore e mezza. Non c’era nessun tipo di organizzazione e la fila non si muoveva per niente. Alla fine, solo perché avevamo prenotato i biglietti della partita di calcio che si stava disputando in quel momento, ci è stata data una certa priorità, ma nonostante questo la situazione era di caos completo”, dice un signore venuto dal Regno Unito.

“Ho aspettato tre ore, senza l’ombra dei biglietti. Ho chiesto di parlare con il responsabile ed è venuto. Dopo essermi lamentato e dopo cinque ore di attesa, sono riuscito ad avere il tagliando ma ho perso il primo match”, aggiunge un australiano.

L’acquisto dei biglietti per Rio non ha dato i risultati sperati. Ci sono ancora 1,2 milioni di posti disponibili ovvero il 20% dei biglietti. Invenduti persino quelli per la gara più popolare, la finale dei cento metri maschili. Gli organizzatori dei Giochi Olimpici di Rio hanno deciso di regalare ai bambini 200mila biglietti.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo