ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Siria: botta & risposta propagandistiche fra Damasco e Mosca

mondo

Siria: botta & risposta propagandistiche fra Damasco e Mosca

Pubblicità

Più che una visita al fronte, una scampagnata fuoriporta. È l’impressione che hanno dato le immagini del presidente siriano Bashar al Assad che ha visitato le trincee dei soldati che combattono Daesh. Il video, accompagnato da una roboante colonna sonora, ha mostrato il presidente circondato dai soldati o a scrutare, attraverso le feritorie, il nemico.

Assad si è presentato a Ghuta, località nota per l’attacco chimico con cui, nel 2013, i miliziani di al Nusra uccisero circa 1.300 persone. Qui ha consumato insieme ai suoi soldati l’iftar, pasto serale con cui i musulmani interrompono il digiuno quotidiano nel mese di Ramadan.

Un colpo mediatico importante soprattutto perché, in queste ore uno dei migliori alleati del leader alawita, Mosca, ha organizzato una riunione con i leader dell’opposizione. Padrone di casa il ministro degli esteri Sergei Lavrov.

Lavrov ha ripetuto che il passaggio di poteri è una questione interna siriana, ma si è complimentato per la volontà negoziale dei gruppi invitati e del loro capodelegazione, Ahmad Jarba.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo